Dobrodošli na prvi forum o gradu Rijeci i Primorsko-goranskom zavičaju, koji je otvoren za sve ljude na svijetu, bez obzira na nacionalnost, vjeru i porijeklo.

Prijava  •  REGISTRIRAJ SE !

Riječka bitka 2. svjetski rat- prije, za vrijeme i nakon

Dotaknite se neke teme iz bogate povijesti našeg grada. Jedino rubrika "Osobe" vezana je cijeli naš kraj. Pridonesite svojim prilogom da saznamo i naučimo nešto više .
Avatar korisnika
nikola
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 11096
Teme: 267
Pridružen: 27.7.2009, 16:32
Lokacija: Na kopnu, moru i u zraku

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#361  PostPostao/la nikola » 12.8.2012, 14:35

Iz rada Mihael Sobolevski - Ljudski gubici Grada Rijeke d sredine 1940. do potkraj 1945. godine

"...Komande mjesta Rijeka i Sušak te Odjeljenje zaštite naroda Rijeka-Sušak tijekom su svibnja i lipnja 1945. uhitili veći broj osoba o kojima su postojali dokazi ili se sumnjalo u njihovu kolaboraciju s talijanskima fašističkim ili njemačkima okupacijskim vlastima te s četničkim ili ustaškim pokretom. Sve uhićene osobe pod istragom bile su smještene u riječki zatvor ili u zarobljenički logor u Martinšćici. Njima su sudili ponajviše Vojni sud JA – Vijeće za Hrvatsko primorje i Rijeku sa sjedištem u Rijeci, ali i Vojni sud pri Komandi istarsko - riječkoga vojnog područja, odnosno Vojni sud 4. armijske oblasti – Vijeće za grad Rijeku. Optuženi su, već prema stupnju krivnje, u ime naroda Jugoslavije suđeni na kazne smrti strijeljanjem i vremenske kazne ili su, pak, bili oslobađani u manjku dokaza. Presude su u pravilu predviđale i konfiskaciju imovine optuženih, odnosno osuđenih pojedinaca. Manji je broj likvidacija tih osoba obavljen i bez sudskih presuda. Ipak, veći je broj optuženih, odnosno osuđenih za kolaboraciju i ratne zločine imao i koristio je pravo žalbe Višemu vojnom sudu, pa su se, u načelu, kazne obavljale tek nakon odobrenja potonjeg. Da to nije bilo samo formalno pravo svjedoči više primjera prema kojima je Viši vojni sud preinačio ili ukinuo kazne pojedincima. Unatoč tome, uvidom u fragmente dostupne dokumentacije vojnih sudova, uočljivo je, barem kada je riječ o području današnjega Grada Rijeke, da su istrage vođene površno, često sa dvojbenim svjedocima, i ubrzano, a bez pribavljanja određene mjerodavne dokumentacije... ...Istraživanje arhivskih vrela, povijesne i publicističke literature te tiska utvrđeno je da su, u naslovljenima području i vremenu, ukupno smrtno stradale 2314 osobe: muškaraca je stradalo 1870 ili 81 posto, a žena 444 ili 19 posto među ukupno smrtno stradalima; od toga je stradalo 53 djeteta do 15 godina starosti; prema nacionalnoj pripadnosti, pak, među stradalima je 1070 Talijana (46), 770 Hrvata (33), 342 Židova (15) i 132 osobe drugih nacionalnosti ili neutvrđene nacionalne pripadnosti (šest posto)...
...
Najveći su, u sklopu ljudskih gubitka vojnih formacija, gubici među pripadnicima antifašističkoga pokreta (490), a manji među pripadnicima talijanske vojske i formacija TSRa (325 osoba). Gotovo svi se ostali gubici (1499 osoba), jer za neke osobe nije utvrđeno kako su i u kojemu svojstvu stradali, odnose na civilno stanovništvo. Kolika je, pak, bila snažna represija talijanskih fašističkih i njemačkih okupacijskih vlasti nad civilnim stanovništvom nedvojbeno potvrđuje činjenica kako je samo u logorima i zatvorima život izgubilo 720 osoba, i to ponajviše u njemačkima nacističkim koncentracijskim logorima Auschwitz i Dachau: u njima je stradao najveći dio stradalih pripadnika židovske etničke i vjerske zajednice s područja današnjega Grada Rijeke. Usto, velike su ljudske gubitke, i to prije svega među civilnim stanovništvom, prouzročile i angloameričke zrakoplovne snage od siječnja 1944. do travnja 1945. godine (160 osoba). Naposljetku su i gubici nastali neposredno po završetku Drugoga svjetskog rata u nas, nastali od svibnja do kraja 1945. godine: zbog kolaboracije sa četničkim, fašističkim, nacističkim i ustaškim pokretom smrtno je stradalo, prema presudama jugoslavenskih vojnih sudova i mimo njih, 130 osoba. Usto, u istome vremenskom razdoblju, stradala je još 51 osoba od iscrpljenosti zbog boravka u logorima i zatvorima, rana zadobivenih na ratištima i raznih eksplozivnih naprava. To je tragična bilanca jednoga grada u jednomu ratu. Budući istraživači, koji će, također, na civilizirani način istraživati ovu problematiku, trebaju stvarnima ljudskim gubicima pokloniti jednaku pozornost bez obzira koje su ih političke ili vojne snage prouzročile.
JAPANSKI: リエカ KINESKI: 里耶卡 KOREJSKI: 리예카 GRČKI: Ριέκα HEBREJSKI: רייקה LATINSKI: Tarsatica

Avatar korisnika
nikola
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 11096
Teme: 267
Pridružen: 27.7.2009, 16:32
Lokacija: Na kopnu, moru i u zraku

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#362  PostPostao/la nikola » 16.9.2012, 20:15

Crtica iz izvornog znanstvenog rada, autor Nikica Barić, o djelovanju uprave NDH na području Dalmacije koje je do kapitulacije držala Italija, a tiče se našeg kraja.

...NDH je od Njemačke dobila 5000 tona raži. Od te količine oko 2680 tona je početkom 1944. otišlo za Rijeku-Sušak i Trst ( u kojem se već nalazilo 200 tona). Njemački brodovi su zatim raž prevozili u Kraljevicu, Karlobag, Zadar, Šibenik i Split i na otoke Rab i Pag. (NDH je troškove prijevoza plaćala u hrvatsko-njemačkom kliringu). Ove pošiljke služile su za opskrbu stanovništva i raništva. Raž se prodavala za 40 kuna kilogram, a taj se novac zatim slao u Zagreb za podmirenje troškova Ministarstva oslobođenih krajeva. Do svibnja 1944. otpremljeno je oko 1968 tona. Nakon toga prijevoz je prekinut (nekoliko brodova koji su vozili raž bili su potopljeni) pa je preostalih 910 tona iskorišteno za prehranu stanovnika na području Rijeke.
JAPANSKI: リエカ KINESKI: 里耶卡 KOREJSKI: 리예카 GRČKI: Ριέκα HEBREJSKI: רייקה LATINSKI: Tarsatica

Avatar korisnika
Adamić
Moderator
Moderator
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 23511
Teme: 923
Pridružen: 12.6.2009, 02:27
Lokacija: Grad Rijeka

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#363  PostPostao/la Adamić » 21.12.2012, 01:28

Zanimljiva fotka, izvor kaže: SS vojnici Prinz Eugen divizije u Hrvatskoj točnije blizu Rijeke , sakriveni na snježnoj cesti , dok se pokraj njih prostire nacistička zastava.
SS vojnici Prinz Eugen rijeka.jpg
SS vojnici Prinz Eugen rijeka.jpg (144.06 KiB) Pogledano 235146 puta

Datum: subota, 23.1.1943.
Fotograf: Kuch
Slika

Avatar korisnika
Adamić
Moderator
Moderator
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 23511
Teme: 923
Pridružen: 12.6.2009, 02:27
Lokacija: Grad Rijeka

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#364  PostPostao/la Adamić » 21.1.2013, 18:12

Ajme kakav filmić! Koliko zanimljivih scena!

Poslijeratna Rijeka
Slika

dudo
Gost
Gost
 
Postovi: 4
Pridružen: 2.1.2013, 11:04

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#365  PostPostao/la dudo » 6.2.2013, 13:59

Adamić napisao:Zanimljiva fotka, izvor kaže: SS vojnici Prinz Eugen divizije u Hrvatskoj točnije blizu Rijeke , sakriveni na snježnoj cesti , dok se pokraj njih prostire nacistička zastava.

Slika
Datum: subota, 23.1.1943.
Fotograf: Kuch



zanimljiva fotografija, mislim da je snimak sa stare ceste Rijeka-Zagreb. po nekim detaljima prepoznajem da je riječ o jednom zavoju između dva ravnija dijela ceste, i to odmah par kilometara nakon G. Jelenja prema Rijeci...tamo obično puše jak vjetar.

Avatar korisnika
Lokalpatrioti Rijeka
Administracija
Administracija
Rijeka, Kvarner i Gorski kotar !
Rijeka, Kvarner i Gorski kotar !
 
Postovi: 795
Teme: 75
Pridružen: 5.6.2009, 21:53

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#366  PostPostao/la Lokalpatrioti Rijeka » 17.2.2013, 00:12

Poštovani prijatelji ,
na web stranici http://www.rigocamerano.it/speciale_fiume.htm

pronašla sam popis ubijenih i nestalih građana Rijeke ,nakon 03.05.1945.g,većina ih je rođena u Rijeci i okolici, a dio ih je talijana koji su

bili u državnoj službi (vojni dužnosnici,službenici,karabinjeri isl).

Popis sam samo copy-paste, a na stranici ima prilično materijala, ima i linkova po kojima bi trebalo "kopati" za pronaći gdje se spominje Rijeka


lp,Silvana


ASSASSINATI E SCOMPARSI


a Fiume, dopo il 3 maggio 1945





A B C D E F G H I J K

L M N O P R S T V W Z





L’elenco di vittime qui presentato è tratto da un testo a cura di Claudio Schwarzenberg e Amleto Ballarini citato nella bibliografia dell'opera della dottoressa Emilia Primeri presente in questo sito.



Nell'ambito di una ventina di giorni il libro "Le vittime di nazionalità italiana a Fiume e dintorni 1939 - 1947" pubblicato a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, frutto di una ricerca pluriennale condotta dalla Società di Studi Fiumani e dall'Istituto Croato di Storia di Zagabria, ha conosciuto due importanti e solenni presentazioni.

La prima si è tenuta a Zagabria il 15 novembre 2002, presso la sede dell'Istituto Croato di Storia, al cospetto di un pubblico di circa 80 persone.

A questa solenne e storica presentazione i due capi del progetto di ricerca, da parte italiana dr. Amleto Ballarini e da parte croata dr. Mirko Valentic, hanno sottolineato l'importanza, ma anche le difficoltà oggettive alle quali si è dovuto tenere fronte per poter consegnare finalmente alla storia i circa 2.700 nomi dei caduti italiani nel territorio fiumano durante la seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente successivi, contrassegnati dall'oppressione del nuovo regime comunista jugoslavo sostituitesi a quello nazifascista.

Durante gli anni del nuovo potere jugoslavo (tra il 1945 e il 1947) circa 600 fiumani, tra civili, poliziotti e carabinieri, scomparvero per la maggior parte vittime di orrendi atti di infoibamento (vedi la foiba di Costrena).

Tra questi morti anche i due senatori fiumani Riccardo Gigante e Icilio Bacci, per i quali non esiste ancora un busto che li ricordi al Senato della Repubblica Italiana.

Alla cerimonia di Zagabria erano presenti: l'Ambasciatore italiano Fabio Pigliapoco, il dr. Giulio Brazzoduro che in qualità di Presidente della Federazione degli Esuli ha auspicato l'avvio di nuove ricerche storiche e di una nuova stagione di dialogo con la Croazia, che tenga in debito conto le ingiustizie ancora da sanare nei confronti degli esuli; il dr. Marino Micich direttore del Museo di Fiume in Roma, il Segretario Generale dell'Associazione del Libero Comune di Fiume Mario Stalzer e il Vice Sindaco Laura Calci.

Dopo un breve concerto di apertura sono seguiti gli interventi dei relatori . Molto seguite le relazioni introduttive dei relatori Amleto Ballarini e del dr. Mirko Valentic a cui hanno fatto seguito quelle del dr. Mihael Sobolevski, della prof.ssa Vranjes Soljan e del prof. Giuseppe Parlato.

Il libro si basa su fonti documentali comuni e contiene due testi introduttivi di Amleto Ballarini e Mihael Sobolevski, che pur variando sensibilmente in alcuni punti convergono su un fatto storico ineccepibile: la grande sofferenza patita dagli italiani di Fiume, non solo per motivi bellici, ma anche per le persecuzioni subite dal regime jugoslavo.

Alla presentazione zagabrese del libro sulle vittime fiumane ha fatto poi seguito, il 5 dicembre 2002, quella romana, tenutasi nell'Archivio di Stato di Roma, nella Sala Alessandrina.

La presentazione a Roma ha riscosso un alto apprezzamento anche di pubblico, poiché si sono contate circa 150 persone.

Alla manifestazione erano presenti il Sottosegretario del Ministero Affari esteri italiano sen. Alfredo Mantica, l'Ambasciatore croato a Roma Drago Kraljevic, il Direttore Generale per i Paesi dell'Europa l'amb. Paolo Pucci di Benischi accompagnato dall'amb. Vittorio Paolini, l'on. Roberto Menia in qualità di Assessore alla Cultura del Comune di Trieste.

A rappresentare la Comunità degli italiani di Fiume vi era la prof.ssa Elvia Fabianic.

Hanno inviato alti messaggi di adesione il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, il Presidente del Senato Marcello Pera, il Presidente della Camera dei Deputati Pier Ferdinando Casini, il Vice Presidente del Governo Gianfranco Fini, il Ministro per le Comunicazioni Maurizio Gasparri, il Ministro della Difesa Antonio Martino, il Vice Presidente del Senato Domenico Fisichella.



Nell'ambito di una ventina di giorni il libro "Le vittime di nazionalità italiana a Fiume e dintorni 1939 - 1947" pubblicato a cura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, frutto di una ricerca pluriennale condotta dalla Società di Studi Fiumani e dall'Istituto Croato di Storia di Zagabria, ha conosciuto due importanti e solenni presentazioni.

La prima si è tenuta a Zagabria il 15 novembre 2002, presso la sede dell'Istituto Croato di Storia, al cospetto di un pubblico di circa 80 persone.

Dal numero di gennaio 2003 de "La Voce di Fiume". Mario Dassovich direttore






Nella foto il recupero di una salma da una foiba. Ma quante furono le vittime delle foibe? Nessuno lo saprà mai! Di certo non lo sanno neanche gli esecutori delle stragi. Questi non hanno parlato e non parlano. D'altra parte e' pensabile che in quel clima di furore omicida e di caos ben poco ci si curasse di tenere contabilità delle esecuzioni. Sulla base di vari elementi (escludendo Basovizza ) si calcola che gli infoibati furono alcune migliaia. Più precisamente, secondo lo studioso triestino Raoul Pupo, "il numero degli infoibati può essere calcolato tra i 4 mila e i 5 mila, prendendo come attendibili i libri del sindaco Gianni Bartoli e i dati degli anglo-americani".

Cortesia di Maurizio Puglisi Ghizzi.

...................................................................................................................................................



ACHILLICH Antonio.
Di Antonio, nato a Veglia; milite appartenente al Regg.to M.D.T. Disperso in Istria dopo l’occupazione titina.

ADAM Angelo.
Nato a Fiume il 20.4.1898 da padre operaio delle F.S. e da madre bidella della scuola elementare di Via del Gelsi.

Autodidatta, studiò la meccanica, divenne un ottimo meccanico e fu assunto al Siluruficio Whitehead.

Partecipò a varie manifestazioni di italianità prima della guerra 1914-18. Nell’ottobre 1918 fece parte della Guardia Nazionale e poi, durante l’impresa di D’Annunzio, si arruolò volontario nella Legione Fiumana.

Antifascista dichiarato, espatriò a Sussak e tenne i contatti col Comitato Antifascista di Parigi, dove poi si trasferì.

Dopo l’8 settembre 1943 rientrò a Fiume e prese contatto col “Fronte Nazionale” onde raccogliere le varie correnti democratiche della città per un rinnovamento civile e sociale del Paese. Con l’occupazione tedesca venne arrestato e deportato a Dachau.

Sopravvissuto alla prigionia, rientrò a Fiume nel luglio 1945 e credette di poter riprendere la lotta a fianco dei lavoratori, cosa non gradita alle autorità titine, e il 4 dicembre 1945, mentre si accingeva a partire per Trieste, venne arrestato insieme alla moglie STEFANCICH Ernesta. Il giorno successivo venne arrestata pure la figlia ZULEMA e della famiglia ADAM non si seppe più nulla.

ALI’ Anna in LOFFREDO.

Di Tommaso. Arrestata nel maggio 1945 e deportata senza più dare notizie.

ALOI Domenico.

Deportato dopo il 3 maggio 1945, non diede più notizie.

AMATO dott. Giuseppe.

Commissario Capo della Questura di Fiume. Arrestato dagli slavi dopo l’occupazione della città venne fucilato al campo di Grobnico il 16 giugno 1945 insieme ad altre 93 persone, la maggior parte appartenenti alla Questura. La notizia della fucilazione venne data alla moglie del dott. Amato da un ufficiale dell’OZNA senza precisare la data e la località dell’esecuzione.

AMICI Franco.

Della provincia di Fiume. Arrestato e deportato per ignota destinazione.

ANCONA dott. Guido.

Segretario della fondazione “Fiume” S.A. di Assicurazioni e Riassicurazioni. Alla morte del padre divenne Direttore Generale. Fu un funzionario dirigente efficiente e ben voluto da tutto il personale.

La notte del 15 novembre 1946, mentre si trovava ospite di una famiglia di conoscenti, venne prelevato da due esponenti dell’OZNA, fatto salire su una autovettura e scomparve dalla circolazione.

Dopo alcuni giorni si venne a sapere che il dott. ANCONA si trovava nelle carceri di via Roma. Verso la fine di novembre venne ricoverato nell’ospedale di Sussak in seguito ai maltrattamenti subiti e, per le sofferenze fisiche e morali, decedeva il 4 dicembre successivo.

AQUILA col.

Ufficiale dell’Esercito, richiamato, prestava servizio a Fiume. Arrestato dall’OZNA nel giugno 1945, venne arrestato nell’Istituto Branchetta insieme ad altri ufficiali fatti prigionieri. Non si ebbero più sue notizie e sembra sia stato fucilato nel mese di ottobre 1945.

ASSALANNA

Arrestato dall’OZNA nel maggio 1945, non più dato sue notizie alla moglie Marisa.








Icilio Bacci


Mario Blasich






BACCI dott. Icilio – Senatore del Regno.

Di Eugenio e di GIRARDELLI Isolina, nato a Fiume il 2 luglio 1879. Assolse gli studi liceali presso l’Istituto “Massimo d’Azeglio” di Firenze; si laureò in Giurisprudenza all’Università di Camerino nel 1902.

Svolse la sua attività politica sia a Fiume che in Italia, sempre in relazione all’irredentismo che lo animava e lo spingeva a lottare per la italianità di Fiume. Nella sua città collaborò alla pubblicazione della rivista “Vita Fiumana” e del settimanale “La Difesa” che, stampato a Sussak, veniva da lui introdotto clandestinamente i città e diffuso.

Fu uno dei fondatori della società “GIOVINE FIUME” e prese parte a tutte le attività culturali di carattere nazionale, quali: Il Circolo Letterario, La Biblioteca Manzoni, La Filarmonica Drammatica, dove ricoprì vari incarichi. Nel 1907 fondò il periodico letterario “La Vedetta” e fu eletto Consigliere Municipale per la Giovine Fiume, ricoprendo nel 1910 la carica di vice podestà.

Nel 1911, a causa delle angherie delle autorità ungheresi, si trasferì ad Ancona, dove si sposò con la signora Lidia URBANI. Tornato a Fiume nel 1913, fu espulso dalla città dopo poche ore.

Fautore dell’irredentismo, nel 1915 si arruolò volontario nell’esercito italiano. Dopo l’eroica morte del fratello Ipparco (tenente dei bersaglieri e medaglia d’argento al V.M. alla memoria) venne mandato in Russia per curare il trasferimento in Italia dei prigionieri austro-ungarici irredenti .

Finita la guerra rientrò a Fiume, e quale membro del Consiglio Nazionale fu fedele collaboratore di D’Annunzio e nominato Rettore della Reggenza del Carnaro per la Giustizia.

Dopo l’impresa di Fiume si dedicò all’attività di Notaio e dal 1929 al 1936 coprì la carica di Preside della Provincia.

Nel 1933 venne eletto da Sua Maestà Vittorio Emanuele III, Senatore del Regno.

Nel 1945, ormai quasi settantenne, convinto di non aver fatto del male a nessuno, accettò l’occupazione titina, ma il 21 maggio, recatosi alla polizia per ritirare un lasciapassare, fu arrestato e incarcerato.

Intorno alla sua fine si ha notizia che nel gennaio 1946 il Reggente della Croazia avv. Mandich di Abbazia, indirizzò ad una persona di Abbazia una lettera dalla quale risultava che il Senatore BACCI era stato trasferito nelle carceri di Karlovac, dove era stato processato e fucilato.

Sulla tomba di famiglia a Sirolo (Ancona) la signora Lidia Urbani fece apporre una lapide ricordo con la scritta “PER LA PATRIA VISSE, PER LA PATRIA FU UCCISO”.

BARATTO Albino.

Residente a Fiume, panettiere presso il panificio Chiopris. Legionario Fiumano, patriota ardente, partecipò a tutte le manifestazioni per l’italianità della città. Dopo il 3 maggio venne arrestato e di lui non si seppe più nulla.

BATTESTIN prof. Oscar

Di Oscar e di DE BENZONI Cornelia, nato a Fiume il 26 agosto 1912. Ragioniere e diplomato alla Accademia di Educazione Fisica della Farnesina, insegnante di Educazione Fisica. Capitano degli Alpini, Div. Julia, 8° Reggimento. Alla data dell’8 settembre 1943 si trovava in servizio quale comandante di Compagnia a Sella Nevea di Monte Nevoso.

Il 25 aprile 1945 raggiunse la famiglia a Fiume, ma il 25 maggio dello stesso anno il furiere della sua Compagnia venne a Fiume ad arrestarlo; imprigionato nelle carceri di Fiume insieme ad altri prigionieri politici, venne successivamente trasferito a Castua dove si perse ogni traccia.

BARBIERI Eugenio.

Di Guglielmo e di TOMINICH Edvige, nato a Fiume il 22 ottobre 1923, Guardiamarina in servizio a Pola. Catturato dagli slavi nel maggio 1945 e deportato senza dare più sue notizie.

BAUCER Radoslav.

Da Fiume. Direttore Amministrativo dell’Ospedale Civile della città. Nella notte fra il 3 e il 4 maggio 1945, dopo l’occupazione della città, un commando titino si presentò a casa sua per farsi consegnare le chiavi della cassaforte. Al suo rifiuto lo arrestarono e gli tolsero le chiavi, asportando dalla cassa dell’Ospedale l’ammontare di oltre tre milioni.

Il giorno seguente il suo corpo venne trovato annegato nello specchio d’acqua di fronte al palazzo Adria.

BELLUSSI Pietro.

Nato nel 1881. Arrestato nel maggio 1945, non ha più dato notizie.

BENAS Giovanni.

Da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città, non ha più dato sue notizie.

BENEDETTI Albino.

Da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città, non ha più dato sue notizie.

BENUSSI Pietro.

Da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città, venne trucidato.

BERINI Boris.

Da Fiume. Ucciso dagli slavi nel maggio 1948.

BERTAZZOLO Ottorino.

Da Fiume. Arrestato dalla polizia titina nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

BERTOLI Ennio.

Di Bruno e OTMARICH Maria, nato a Fiume il 7 dicembre 1927, studente ginnasiale. Volontario nel 3° Regg.to M.D.T. col grado di aspirante ufficiale.

Di servizio a Sappiane venne catturato nel maggio 1945. Dalle carceri di Fiume, dove era stato inizialmente tenuto, venne avviato, con i polsi legati da filo di ferro, verso Castua, unitamente ad una colonna di prigionieri tedeschi. Successivamente fu trasferito a Buccali e da qui a Tersatto e di nuovo a Fiume.

Il giorno 23 giugno 1945, scortato da un partigiano armato, si è presentato a casa, avendo ottenuto un permesso di poche ore; consumato un pasto in famiglia e cambiatosi degli indumenti, accompagnato dal padre si ripresentò al comando dei partigiani a Sussak. Da quel momento non si ebbero più sue notizie.

BERTOS Giovanni.

Da Fiume, di anni 66, macchinista navale. Ferito gravemente a baionettate dagli slavi durante l’aggressione ai danni di un gruppo di italiani che si trovava nella trattoria “Monteverde” di Fiume. Nel processo che ne seguì, nell’aprile 1947, gli imputati italiani non ebbero alcuna possibilità di difendersi. L’accusa era che si trattava di una riunione di reazionari fascisti. Il Bentos morì dopo qualche giorno nell’ospedale della città.

BERTUCCI Francesco.

Di Emanuele e di COMPAGNI Rosalia, nato nel 1922 ad Ustica (Palermo). Arrestato a Fiume e deportato per ignota destinazione.

BETTIN dott. Giangiorgio.

Medico dentista, residente a Fiume, con ambulatorio in Piazza Regina Elena. Arrestato dopo l’occupazione della città, venne fucilato il 7 luglio 1945.

BEUZZER Giuseppe.

Di Michele e di ZIMICH Maria, nato ad Abbazia il 10 marzo 1897. Segretario federale di Gorizia, venne arrestato l’8 maggio 1945 ed incarcerato. Risulta fucilato nei pressi di Gorizia, insieme ad altri prigionieri.

BIGNARDI Alessandro Ettore.

Nato a Quistello (Mantova) nel 1906. Le ultime notizie fornite da lui stesso ai genitori risalgono al 15 aprile 1945, mentre prestava servizio nel B.A. Unità P.C. 81867, nei pressi di Fiume.

BITTNER Adolfo.

Da Abbazia, impiegato alberghiero. Ucciso dagli slavi nel maggio 1945.

BLASICH dott. Mario.

Di Giuseppe e di CALICH Erminia, nato a Fiume il 18 luglio 1878. Laureato in medicina, ha sempre esercitato la professione a Fiume.

Uomo politico, in vista già nei primi decenni del secolo, lottò attivamente a fianco di Riccardo Zanella nel Partito Autonomista di allora.

Allo scoppio della prima guerra mondiale venne richiamato in servizio nell’esercito austro ungarico. Il 5 giugno 1915, al momento di partire, lasciò alla figlia Ada (maggiore di cinque figli) le seguenti righe: “Figlia carissima, parto dalla città che mi vide nascere, con una grande fede nel cuore. Non so se mi sarà dato di ritornare alla mia casa, ma sono però sicuro che questa mia fede, anche se non fossi più, troverà in te figlia diletta la più fervida seguace. Alto il cuore, coraggio! Tuo padre.” Fiume, 5 giugno 1915.

Avviato al fronte russo riuscì, oltrepassando le linee, a consegnarsi a quelle truppe dichiarandosi irredento italiano e deciso a raggiungere l’Italia per arruolarsi volontario nell’Esercito Italiano. Arruolato col grado di Capitano Medico, combattè sul Carso.

Finita la guerra rientrò a Fiume nel 1919 e riprese la sua attività politica a fianco di Zanella. Concluso il Trattato di Rapallo che istituiva lo Stato Libero di Fiume, venne designato quale Ministro dell’Interno. Dopo la caduta dello Stato Libero, avvenuta il 3 marzo 1922 ad opera delle forze irredentiste e propugnanti l’annessione all’Italia, il Blasich non seguì Zanella nell’esilio in Jugoslavia, ma rimase a Fiume. Riprese la sua attività di medico, attività che dovette abbandonare in seguito ad una grave malattia che gli tolse l’uso delle gambe.

Dopo l’8 settembre 1943, in una riunione in casa sua con i rappresentanti del C.L.N. agli esponenti jugoslavi che esigevano una sua dichiarazione di combattere i tedeschi per annettere Fiume alla Jugoslavia, il dott. Blasich, dalla sua sedia a rotelle, dichiarò: “Potete tagliarmi la gola, ma dalla mia bocca non uscirà tale bestemmia. Sarò felice di offrire all’Italia quanto resta della mia povera vita e del mio vecchio sangue.

Nella notte del 3 maggio 1945, giorno stesso della occupazione della città, i partigiani slavi entrarono nella sua abitazione e, chiusa la moglie, la figlia e il genero nella stanza da bagno, entrarono nella stanza da letto e lo strangolarono sul letto stesso, salendo con gli scarponi sul lenzuolo, lasciandovi le impronte.

A completare l’opera dei liberatori, dal comodino asportarono l’orologio da polso ed altro oggetti ivi depositati.

BLASICH Matteo.

Da Fiume. Arrestato dalla polizia nell’ottobre 1945, secondo dichiarazione della polizia stessa, nel novembre “morì suicida”.

BOGLIOLI Zebedeo.

Da Fiume. Arrestato dall’OZNA il 3 maggio, non ha più dato sue notizie.

BOLF Tadea, maritata CURRI.

Da Fiume, di anni 45. Nel 1936 venne arrestata dalla polizia jugoslava sotto accusa di spionaggio a favore dell’Italia e condannata a 20 anni di carcere. Dopo 5 anni scontati nel carcere di Ogulin (Croazia), nel 1941, con l’occupazione della Croazia da parte delle truppe italiane venne liberata e ritornò a Fiume. Nel giugno del 1945 venne nuovamente arrestata e nel settembre dello stesso anno venne fucilata a Tersatto.

BONAS Alberto.

Di Pietro e Maria, nato a Volosca nel 1903. Legionario Fiumano, combattente in A.O.I. col grado di maresciallo. Autista ad Abbazia. Ucciso dagli slavi nel maggio 1945.

BONELLI Gennaro.

Arrestato nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

BONFIGLIO Antonio.

Combattente della guerra 1915-18, operaio presso l’Azienda Elettrica di Abbazia. Ucciso nel maggio 1945.

BORRI Giuseppe.

Di Francesco e di VECCHIET Maria, nato a Monfalcone il 10 settembre 1924. Arrestato a Villa del Nevoso e deportato verso ignota destinazione.

BRANDOLINI Guerrino.

Da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

BRAVERI Oscar.

Da Abbazia, di anni sessanta. Ucciso dagli slavi dopo l’occupazione.

BRELICH Luigi.

Da Fiume, di anni sessanta, agente di cambio. Arrestato dall’OZNA nel settembre 1945. Sottoposto a stringenti interrogatori ed a sevizie, fu restituito alla famiglia moribondo; spirò alcuni giorni dopo.

BRUNO Filippo

Di Giuseppe e di Zuccarelli Giuseppina, nato a Motta S. Anastasia (Carnia) il 5 agosto 1905. Segretario della Questura di Fiume. Arrestato dagli slavi dopo l’occupazione della città, non ha più dato sue notizie.

BRUSSICH Antonio.

Da Fiume. Arrestato dagli slavi il 10 aprile 1955 e deportato per ignota destinazione.

BRUTTI Mirto.

Di Severino, nato a San Michele, marinaio. Arrestato e deportato dopo il 3 maggio 1945.

BUCCI Vladimiro.

Di Giuseppe. Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sua notizie.

BURANI Sabatino.

Nato a Siena nel 1916. Dopo l’8 settembre 1943 prestò servizio col grado di tenente di artiglieria al comando di batteria contraerea nella zona di Fiume e Santa Caterina. Nei primi giorni di maggio 1945 venne arrestato e tradotto nelle carceri di Fiume. Deportato successivamente, non diede più sue notizie.

BURICCHI Gino.

Di Felice. Brigadiere di P.S. in servizio a Fiume. Arrestato dalla polizia jugoslava il 3 maggio 1945 e dichiarato irreperibile. Il 19 giugno 1950 il Ministero degli Affari Esteri, con nota n. 15/1044/231 comunicava alla famiglia che “Il cittadino italiano BURICCHI Gino, con sentenza del Tribunale Militare della XI Regione di Corpo d’Armata, era stato condannato a pena di morte mediante fucilazione”.

BURUL Antonio.

Da Fiume. Maresciallo del Servizio Informazioni della 61^ Legione CC.NN. di Fiume. Eliminato dagli slavi dopo l’occupazione della città.

BUTCOVICH Dolores coniugata SUPERINA

Da Fiume. Recatasi a Gorizia nell’aprile 1945, non fece più ritorno a Fiume.

BUTTI Vito.

Maresciallo di Finanza alla Stazione di Borgomarina. Sposato con Vita IVANCICH, risiedeva in Valscurigne.

Il 3 maggio 1945, con l’entrata degli slavi in città, cessò il servizio di Borgomarina e rientrò in famiglia. Dopo alcuni giorni, saputo che gli slavi avevano arrestato tutti i finanzieri di Borgomarina r che li avviavano al Campo Marte, dichiarò che lui “DOVEVA ANDARE CON I SUOI FIGLIUOLI” e indossata la divisa andò a costituirsi. Veniva così arrestato e fucilato nel giugno successivo.

Un testimone, che riuscì miracolosamente a scampare all’arresto, ha descritto con parole semplici e spaventose gli ultimi momenti della vita di questo veramente grande martire, alla cui memoria, in altre nazioni, avrebbero dedicato per lo meno una caserma.

BUTTIGLIONE Donato.

Di Paolo e di BRIENZA Margherita, nato a Laviano (Salerno) il 14 agosto 1895. Ardito della guerra 1915-1918, Legionario Fiumano, decorato con Medaglia di Bronzo al V.M., Console della Compagnia Lavoratori del Porto di Fiume.

Prelevato dalla sua abitazione il 5 maggio 1945 e, come da certificato del Tribunale di Fiume, condannato a morte e fucilato il 7 luglio 1945 in località sconosciuta.


CALABRIA Renato.

di Pasquale e di FERRARI Angela, nato a Pavia il 6 giugno 1919. Tenente di complemento di artiglieria in servizio a Laurana. Catturato dagli slavi il 27 aprile 1945, non ha più dato sue notizie.

CALAFIORE Emanuele.

Fiume, l’ 8 marzo 1926. Diplomato al Liceo Scientifico di Fiume; milite del 3° Regg.to D.T. (61^ Legione). Il 5 maggio 1945 venne catturato dagli slavi a Villa del Nevoso, dove aveva accompagnato all’ospedale un commilitone ferito; d’allora non si sono più avute sue notizie. Il suo amore per il prossimo gli è stato fatale.

CAMPAGNA Giovanni.

da Fiume. Arrestato dalla polizia slava nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

CAMSA Vladimiro.

di Giuseppe e di PICICH Maria, nato a Laurana il 28 ottobre 1922, macellaio. Prelevato dalla polizia slava il 26 settembre 1946 e trasferito nelle carceri di Volosca dove, secondo comunicazione fornita alla famiglia, si sarebbe impiccato.

CANCIANI Enrico.

di Carlo. Arrestato nella provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

CARBOSIERO Pasquale.

Deportato dagli slavi nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

CARLETTI Bruno.

di Dante, DA Fiume. Deportato dagli slavi nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

CAROPPO Guido.

Deportato dagli slavi nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

CARTA Giovanni Dario.

di Antonio e di BEDE Amelia, nato a Fiume il 13 aprile 1925, studente universitario. Allievo Ufficiale della R.S.I. Dopo il 3 maggio 1945 si trasferì a Trieste e si arruolò nella Polizia del Governo Militare Alleato.

Il 24 marzo 1946, mentre svolgeva servizio di polizia ad un posto di blocco situato lungo la frontiera fra il T.L.T. e quella occupata dalle autorità militari jugoslave, scomparve; da allora ogni ricerca fu vana. Soltanto nell’autunno 1949 vennero individuati i responsabili della sua morte e conosciuta la località dove il cadavere venne occultato.

Risultò che il Carta era stato prelevato con la forza dal posto dove disimpegnava il suo servizio e barbaramente trucidato da elementi anti italiani. Dalle risultanze processuali che condussero alla condanna dei responsabili è evidente che il Carta fu assassinato perché rappresentante delle forze dell’ordine e animato da sentimenti italiani.

Sebbene i combattimenti fossero da tempo ufficialmente cessati e lo stato legale fosse quello di armistizio, la morte del Carta fu determinata da cause inerenti la guerra e, pertanto, le Autorità Militari acconsentirono acchè la salma fosse tumulata nel cimitero dei Caduti Militari di Milano.

CARTELLI Eugenio.

di Mario e di MARINICH Margherita, NATO A Fiume il 30 novembre 1918, pasticcere. Arrestato dagli slavi nel maggio 1945 e deportato. La dichiarazione di morte presunta indica come avvenuta l’ 8 maggio 1945.

CASALE Raffaele.

Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, risulterebbe deceduto in prigionia.

CASTELLO dott. Eolo.

Nato a Sestri Ponente (Genova) nel 1906. Direttore amministrativo del Siluruficio Whitehead di Fiume. Arrestato dagli slavi al Bivio di Rupa mentre ritornava a Fiume in automobile da Trieste, dove si era recato per servizio e ucciso.

CATTARO Nicolò.

di Antonio, nato a Veglia nel 1910, panettiere ad Abbazia. Accusato di spionaggio venne arrestato dagli slavi e fucilato nel cimitero di Tersatto il 21.11.1946.

CAVALIERI Tullio.

da Fiume, disegnatore al Siluruficio Whitehead. Eliminato dalla polizia titina dopo l’occupazione della città.

CELLIGOI Vittorio.

Nato a Fiume nel 1894, infermiere, appartenente al movimento autonomista. Prelevato dagli slavi nel maggio 1945, non si sono più avute sue notizie.

CELLUS Antonio.

da Fiume. Deportato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945 e scomparso.

CELOTTO Mario.

da Fiume. Arrestato e deportato nel maggio 1945, senza più dare notizie.

CHESELE Maria coniugata BUDAK.

da Fiume, di anni 55. Arrestata dall’OZNA nel 1946. Nel 19467 le autorità jugoslave dichiararono che la detenuta si era suicidata nelle carceri di Fiume.

CHIUZZELIN dott. Nazzareno.

di Saul e di DINARICH Giuseppina, nato a Fiume il 9 settembre 1898. Legionario Fiumano, commissario di P.S. in servizio a Gorizia. Nel maggio 1945 fu prelevato da casa, rinchiuso nel Castello di Gorizia e poi trasportato ad Aidussina, dopo di che ogni ricerca fu vana.

Dal verbale redatto dal Sindaco di Gorizia risulta che è stato prelevato da casa da truppe jugoslave. La dichiarazione di morte presunta emessa dalla Pretura di Gorizia indica la data del 31 dicembre 1945.

CIMINI Virgilio Giuseppe.

di Giovanni, nato a Livorno il 1° febbraio 1888. Legionario Fiumano, gestore di un bar in Riva Emanuele Filiberto. Milite del 3° Regg.to M.T.D., dopo il 3 maggio 1945 raggiunse Trieste. Il 27 maggio 1945 venne arrestato nei pressi di piazza Goldoni, trasferito nelle carceri di Fiume e poi fucilato.

CIUFFARIN Anna Maria.

di Lodovico e di Gorian Eleonora, nata a Volosca il 19 dicembre 1915, residente a Gorizia. Arrestata il 3 maggio 1945 e deportata. La dichiarazione di morte presunta indica la data del 31 maggio 1945.

CIVINI

da Fiume. Arrestato dalla polizia titina, non ha più dato sue notizie.

COCIANI Dante.

da Fiume. Ucciso dagli slavi dopo l’occupazione della città, accusato di “attività antipopolare e terroristica”.

COLLAVALLE Quintilio.

Arrestato e deportato.

COLMANNI Arturo.

da Fiume. Esattore dell’Azienda Servizi Pubblici Municipalizzati. Eliminato dalla polizia titina dopo l’occupazione della città.

COLOMBO Rosario.

Arrestato e deportato.

COLUSSI Carlo.

di Giovanni e di Felicita NARDINI, nato a Fiume il 7 dicembre 1891. Giornalista. Allo scoppio della prima guerra mondiale si arruolò volontario nell’Esercito Italiano, combattendo sul Carso e raggiungendo il grado di Tenente degli Alpini; decorato di Medaglia d’Argento al V.M.

Nella seconda guerra venne richiamato col grado di Maggiore e promosso poi al grado di Tenente Colonnello. Presidente dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra dall’annessione di Fiume alla Madrepatria fino al 1943.

Amministratore Delegato dello Stab. Tipografico de “La Vedetta d’Italia”, ricoprì varie cariche fra le quali quelle di Presidente della Cassa di Risparmio e di Podestà.

La moglie COPETTI Nerina, di Giorgio e di Regina SIMONETTI, nata a Fiume il 30 marzo 1914.

Dopo l’occupazione della città i coniugi Colussi, con regolare permesso della polizia titina, si accingevano a partire per Trieste con l’autocorriera. Lungo la strada per raggiungere la stazione delle autocorriere vennero fermati da agenti dell’OZNA e portati nella sede della polizia di via Firenze.

La Signora Sofia Dolenz Capriotti, amica della famiglia Copetti, passando davanti alla sede della polizia si sentì chiamare e così seppe che i coniugi Colussi erano stati arrestati e ne informò la famiglia.

La madre Copetti, recatasi alla polizia, potè parlare con la figlia e seppe che non erano stati ancora interrogati.

Ritornata il giorno dopo, si sentì dire che i coniugi Colussi non risultavano arrestati, bensì che erano partiti per Trieste. Alle insistenze della Signora Copetti per avere precise notizie, venne minacciata di arresto.

Poiché ogni ricerca risultò vana, nel mese di dicembre 1945 la famiglia presentò un esposto al Comando Militare di Abbazia ed ebbe come risposta che i coniugi Colussi erano stati condannati, dal Tribunale Popolare di Fiume, alla pena di morte mediante fucilazione e che la sentenza era stata eseguita, senza però indicare la data e il posto.

CONTESSO Vincenzo.

Nato a La Spezia nell’ottobre 1906, impiegato presso il siluruficio Whitehead di Fiume. Arrestato a Trieste dalla polizia titina insieme alla moglie Laura JURINOVICH (nata a Fiume). Trasferiti nelle carceri di Fiume non se ne ebbe più notizia.

CONTI (già GROFCICH) Carlo.

Nato a Villa del Nevoso. Ucciso, dopo essere stato barbaramente seviziato, nel maggio 1945 a Castelnuovo d’Istria.

CORGO Giuseppe.

di Antonio. Deportato da Fiume nel maggio 1945.

CORRADI Adolfo.

Nato a Fiume, patriota e Legionario Fiumano. Usciere nel Palazzo della Società di Navigazione “Adria”. Dopo l’occupazione della città venne arrestato e condannato a morte. Accompagnato da due poliziotti al cimitero di Cosala, fu obbligato a scavarsi la fossa.

Uomo particolarmente coraggioso, approfittando di un momento di disattenzione di uno dei militi, con la vanga che teneva in mano spaccò la testa del poliziotto. L’altro poliziotto presente lo fulminò con una scarica di mitra.

COVERLIZZA Siro.

di Giuseppe, nato a Fiume. Impiegato presso la Cassa Malattia di Abbazia. Ucciso nel maggio 1945.

CRESSEVICH Antonio.

da Fiume. Arrestato dalla polizia titina nel 1949 per aver organizzato l’espatrio di alcuni cittadini.

CURASIER

Due fratelli, da Fiume. Uccisi dagli slavi il 5 maggio 1945 a Sella di Monte Santo.

DALLA POZZA Dante.

da Fiume. Legionario Fiumano. Proprietario di una sartoria in via Bovio. Arrestato dopo l’occupazione, risulta ucciso nell’agosto 1945.

DAZZARA Armando.

Impiegato del Dazio a Laurana. Ucciso nel maggio 1945.

DECRISTOFARO Giuseppe.

da Fiume. Deportato nel maggio 1945.

de HAJNAL Mario (vedi lettera H)

DELL’OLIO Bartolomeo.

di Vincenzo e di Atonia MANGO, nato a Trani (Bari) il 20 maggio 1923. Degente nell’ospedale di Laurana, dopo il 3 maggio 1945 venne arrestato e da allora non si sono più avute sue notizie.

DE MASI Vincenzo.

Deportato dalla provincia di Fiume, non ha mai dato sue notizie.

DEMINI Giuseppe.

Nato ad Abbazia. Allievo Ufficiale della Guardia di Finanza. Catturato ed eliminato dai titini.

DEMMANUELE Gaetano.

da Fiume. Arrestato nel maggio 1945, non ha mai dato sua notizie.

DE MONTIS Salvatore.

Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

DE VENEZIA Erminio.

Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

DEVESCOVI Valerio.

di Matteo, nato a Fiume il 27 novembre 1892, usciere presso la Questura di Fiume. Arrestato e fucilato nel mese di agosto 1945, nei pressi di Fiume.

DIANA Alberto.

di Giuseppe. Deportato nel maggio 1945 e scomparso.

DI LORENZO Costantino.

di Cesare, Guardia scelta di P.S., autista del Questore di Fiume. Fucilato il giorno seguente alla occupazione della città.

DI TULLIO Sebastiano.

da Fiume. Deportato nel maggio 1945.

DOGANA Antonio.

Da Fiume. Deportato nel maggio 1945.

DUCHICH Antonio.

da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città, non si sono avute più sue notizie.

DUMICICH

da Fiume. Industriale, fucilato a Tersatto dopo l’occupazione della città.



ECKER Maria.

da Fiume, di anni 48. Arrestata alla stazione ferroviaria di Fiume al rientro da un viaggio a Trieste e fucilata con l’accusa di spionaggio.

ELIA Francesco.

di Antonio. Deportato dalla provincia di Fiume, non ha più dato notizie.

FABBRIS Massimo.

di Abramo. Deportato nel maggio 1945 ed incarcerato a Maribor senza più dare sue notizie.

FANTI Arturo.

da Fiume. Deportato nel maggio 1945, non ha mai dato sue notizie.

FANTINI Emiro.

Nato a Fiume, irredentista e socio della “Giovine Fiume”, Legionario Fiumano. Fotografo, con studio e negozio sul corso V.E. III. Arrestato nel maggio 1945 e rinchiuso nelle carceri di Fiume ove venne sottoposto a maltrattamenti e sevizie. Nell’aprile 1946 le autorità comunicarono la sua morte, dovuta ad otite.

FATTORETTI Oscar.

di Paolo e di Maria MARASSOVICH, nato a Trieste il 23 novembre 1891, funzionario comunale di Fiume. Irredentista e appartenente alla “Giovine Fiume”. Legionario Fiumano.

Prelevato dalla sua abitazione il 5 maggio 1945 ed eliminato. La dichiarazione di morte indica la data del 5 maggio 1945.

FERLAN Nicolò.

Nato a Fiume, di anni 30. Tenente pilota. Arrestato dagli slavi nel maggio 1945, venne processato nel luglio dello stesso anno e condannato a dieci anni di lavori forzati, sotto l’imputazione di aver preso parte, come ufficiale italiano, ad azioni di guerra.

Rinchiuso nel campo di lavoro di Kocevie (Slovenia) riuscì a fuggire. Ripreso fu ricondotto a Kocevie e nel febbraio 1946 venne fucilato.

FLEGO Umberto.

Nato a Laurana: giardiniere del vescovado di Fiume. Ucciso a Laurana nel maggio 1945.

FRANCHINI Franchino.

di Gioacchino e di Lauretana PAOLETTI, nato a Livorno il 25 agosto 1892. Assistente del Genio Civile di Fiume, residente a Laurana. Combattente della Prima Guerra Mondiale, Legionario Fiumano.

Catturato da bande titine sulla strada di Abbazia il 19 settembre 1944. Nessuna notizia è stato possibile ottenere sulla sua fine.

FRANCHI Tullio.

da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città.

FUCHS Luigi.

di Laurana. Spazzacamino. Ucciso nel maggio 1945.





Riccardo Gigante




GALLI Alessandro.

di Rodolfo, da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

GALLOVICH Valentino.

da Fiume, di anni 20. Trucidato dagli slavi a Sella di Monte Santo (Gorizia) dopo il 3 maggio 1945. Faceva parte di una corpo di guardia alla centrale elettrica di Salcano.

GASPARINI Albino.

di Angelo, nato a Quinto (Treviso) il 14 novembre 1914. Guardia di P.S. in servizio a Fiume. Scomparso dopo l’occupazione della città (3 maggio 1945).

de GAUS Antonio.

Di famiglia patrizia fiumana, di anni 70. Arrestato dagli agenti dell’OZNA nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

GAVIOLI Mario.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non si sono più avute sue notizie.

GELETTI ing. Enea.

Nato a Laurana, possidente. Ucciso dagli slavi dopo il 3 maggio 1945.

GHERSI Michelangelo.

Nato a Laurana, impiegato comunale e segretario della sezione di Laurana del P.F.R. Ucciso dagli slavi insieme alla figlia di anni 7, con una scarica di mitra attraverso una finestra della sua abitazione.

Modifiche aggiunte dal dott. Fabio Ghersi, da Genova, nipote:

Nato a Laurana il 24 settembre 1899, mentre la figlia Annamaria era nata anch'essa a Laurana il 31 agosto 1937. Sono stati uccisi il 24 novembre 1944 sera, all'ora di cena, con una raffica di mitra sparata attraverso la finestra della cucina. Erano presenti al fatto mia nonna Anna e mio padre Claudio, mentre il terzo figlio (Livio) si trovava in altra stanza dell'abitazione.

GIACHETTI Renzo.

di Amedeo, nato a Fiume il 16 settembre 1927. Scomparso nella zona di Caporetto nel maggio 1945.

GIACCHI dott. Nicolò.

di Biagio e di Virginia CECH, nato a Laurana il 6 gennaio 1902, impiegato presso l’Azienda di Soggiorno di Abbazia. Capitano di complemento in Artiglieria. Arrestato nel maggio 1945, non si sono più avute sue notizie.

GIANNETTI Giovanni.

di Giovanni, nato in Cecoslovacchia nel 1895. Falegname a Rupa di Elsane. Arrestato dagli slavi nel maggio 1945, dopo una breve permanenza nel carcere di Trieste, il 25 venne fatto partire per Lubiana e d’allora non si sono più avute sue notizie.

GIGANTE Riccardo – Senatore del Regno.

di Agostino e di CANARICH Francesca, nato a Fiume il 27 gennaio 1881. Diplomato presso l’Accademia di Commercio di Graz.

di puri sentimenti italiani, fu sempre presente nelle varie manifestazioni di italianità nel periodo antecedente la prima Guerra Mondiale. Fu uno dei soci fondatori della “Giovine Fiume”, organizzatore dei due viaggi a Ravenna.

Allo scoppio della guerra raggiunse l’Italia e si arruolò volontario raggiungendo il grado di Capitano.

Dopo la guerra, rientrato a Fiume, fu acceso sostenitore dell’annessione all’Italia e fu uno dei più fedeli collaboratori del Comandante D’Annunzio, tanto che per lui è stata riservata una delle Arche del Vittoriale.

Dopo risolta l’impresa dannunziana continuò a lottare per l’annessione e venne eletto Sindaco, carica che ricoprì anche successivamente.

Era decorato dell’Ordine Militare di Savoia, della Military Cross Britannica ed insignito del grado di Grand’Ufficiale dell’Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro.

Dopo l’occupazione della città da parte dei titini, si rifiutò di abbandonarla, per rimanere con la sua gente.

Il 4 maggio 1945 venne arrestato e fu visto per l’ultima volta alla periferia di Castua, legato insieme al maresciallo di Finanza BUTTI Vito. Si seppe poi che ambedue erano stati barbaramente uccisi.

GIGANTE Vincenzo.

di Antonio, brigadiere della Milizia Portuale, in servizio a Fiume. Arrestato il 4 maggio 1945 e fucilato.

GIUBELLA Giovanni.

da Fiume. Arrestato dalla polizia titina nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

GIURSO Pasquale.

di Aristodemo. Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

GIUSTI Roberto.

Nato a Fiume. Eliminato dagli slavi dopo l’occupazione della città.

GRANDI GROSSMAN Mario.

Nato a Laurana il 15 agosto 1877, agente della Riunione Adriatica di Sicurtà. Di sentimenti italiani, venne internato dall’Austria durante la guerra 1914-1918. Dopo il 3 maggio 1945 venne arrestato dagli slavi e morì in carcere a Laurana il 2 gennaio 1946.

GRANI (già GRANITZ) Nicolò.

di Rodolfo e di Anita, nato a Fiume il 9 febbraio 1917, di religione ebraica.

Dopo l’ 8 settembre 1943 aveva militato nelle formazioni partigiane piemontesi. Nei primi giorni di maggio 1945, ancora vestito con la divisa americana di combattimento, venne a Fiume, ma, insieme allo zio GRANITZ Edmondo, mentre si trovava nell’Ufficio Postale, venne arrestato e, con l’accusa di spionaggio a favore dell’Italia, venne fucilato dopo essere stato costretto a scavarsi la fossa.

GRANITZ Edmondo.

di Guglielmo e di Lina, nato a Raab (Ungheria) nel 1898, residente a Fiume, con ufficio filatelico al Corso. Rientrato a Fiume insieme al nipote GRANI Nicolò, subì la sorte di questi.

GREGORAT Renato.

Nato ad Abbazia, elettricista. In servizio militare nella contraerea a Lampedusa, fu fatto prigioniero e trasferito in Algeria. Dopo la fine della guerra, rientrato ad Abbazia, venne arrestato dai titini e ucciso.

GRUBESSI.

Nato a Fiume, addetto all’Ufficio Informazioni della Milizia. Arrestato dalla polizia titina dopo l’occupazione della città, venne eliminato.

GUERDINARI Antonio.

da Fiume. Deportato dagli slavi il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

Avatar korisnika
Lokalpatrioti Rijeka
Administracija
Administracija
Rijeka, Kvarner i Gorski kotar !
Rijeka, Kvarner i Gorski kotar !
 
Postovi: 795
Teme: 75
Pridružen: 5.6.2009, 21:53

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#367  PostPostao/la Lokalpatrioti Rijeka » 17.2.2013, 00:13

de HAJNAL Mario.

Nato a Fiume nel 1891, pittore accademico. Ucciso dagli slavi nella sua abitazione nel maggio 1945.

HARTMAN Aldo.

Nato ad Abbazia nel 1900. Arrestato dagli slavi a Trieste dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sua notizie.

HODL Enrichetta.

Nata a Zagabria il 21 luglio 1927, cittadina italiana residente a Fiume. Il giorno 4 giugno 1945, un mese dopo l’occupazione della città, mentre usciva dall’ufficio comunale dove si era recata per ritirare la carta d’identità, venne arrestata e incarcerata; per tre giorni la madre ha potuto avere sue notizie, ma poi scomparve. Ne è stata dichiarata la morte presunta.

HUPP Francesco.

Nato a Graz, residente a Fiume. Insieme alla moglie CAPUDI Maria ved. GIOVANELLI, proprietari della nota Pasticceria Giovanelli al Corso. Abitanti a Borgomarina, uccisi nella loro villa e spogliati di ogni loro avere.



IKER Anna ved. MANDICH e IKER Vittoria.

Nate a Fiume, rispettivamente nel 1889 e nel 1891, da famiglia ungherese. Ospiti nella villa dei coniugi HUPP, vennero arrestate e di loro non si seppe più nulla.

INNORCIA Francesco.

di Salvatore. Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non se ne ha più avuto notizia.

JACOPACCI Ezio.

Combattente della 1^ Guerra Mondiale, maresciallo dei Vigili Urbani di Abbazia. Ucciso dagli slavi l’ 8 maggio 1945.

JANUALE Raffaele.

Nato a Fiume, di anni 19. Mobilitato in un battaglione costiero, era di presidio alla centrale elettrica di Salcano (Gorizia). Nel maggio 1945 il reparto cadde nelle mani dei titini e tutti i componenti vennero uccisi.

JELAUSHEGG Loris.

di Pietro, nato a Fiume nel 1930. Arrestato dagli slavi a Trieste nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

KASTL Giuseppe.

Nato a Fiume, funzionario dei Magazzini Generali di Fiume. Trucidato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945.

KEPA Enrico.

Nato nel 1912. Deportato dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

KINDLE Massimiliano.

Nato a Vaduz, residente a Fiume, odontotecnico. Arrestato dagli slavi ed internato nel carcere di Maribor, vi decedeva nel 1948.

KONIG.

Titolare di una macelleria nel Mercato di Braida. Arrestato nel maggio i945 ed eliminato.

KOSIOROWKI Giovanni.

di Martino e di Barbara MISKA, nato a Cmolas (Polonia) il 25 febbraio 1884, residente ad Abbazia e cittadino italiano. Prelevato dagli slavi dalla sua abitazione nel maggio 1945 e deportato.

KREGAR.

Nato a Fiume, autista delle Poste. Dopo l’occupazione della città venne arrestato e barbaramente bastonato; riportato a casa moribondo, vi decedeva dopo pochi giorni.



LANDRIANI Adolfo.

Arrivato a Fiume al seguito di D’Annunzio, con un reparto di Arditi fece parte della “Compagnia D’Annunzio” come Legionario. Sposatosi, rimase a Fiume e si occupò come custode, prima del Parco Arciducale e poi del giardinetto di Piazza Verdi. Data la sua statura era conosciuto col nomignolo di “maresciallino”.

Arrestato dalla polizia titina, i poliziotti intimarono al Mandriani di gridare “Viva Fiume jugoslava”, ma lui invece gridò: “Viva Fiume italiana”, continuando in tale suo atteggiamento, nonostante le brutali percosse, sino alla morte.

LANFREDI Giulio.

di Vittorio, da Fiume. Arrestato e deportato dopo il 3 maggio 1945.

LEMBO Renata vedova CERNIGOI.

di Savino, nata a Canosa di Puglia nel 1913, casalinga, residente a Laurana. Arrestata nel maggio 1945 e deportata.

LENAZ Antonio.

Nato a Fiume. Deportato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

LIBRIO Giuseppe.

da Fiume. Catturato dagli slavi l’ultima domenica di ottobre del 1945 e ucciso con un colpo di rivoltella alla nuca tra le rovine del Molo Stocco, reo di avere strappato la bandiera jugoslava da un pennone di Piazza Dante.

LJUBICICH Giovanni.

da Fiume. Prelevato dalla sua abitazione nel maggio 1945 e ucciso.

LOFFREDO Primo.

Arrestato nel giugno 1945 e rinchiuso, insieme ad altri ufficiali, nell’Istituto Branchetta trasformato in penitenziario e, verso la fine di ottobre, fucilato.

LOFFREDO Raimondo.

di Primo. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

LUCIANI dott. Oscarre.

di Cirillo, nato a Fiume il 16 agosto 1900. Fiumano, laureato in giurisprudenza, Commissario di P.S. in servizio nella Questura di Gorizia. Arrestato il 6 maggio 1945 e condannato dal Tribunale Militare di Lubiana alla pena di morte con sentenza dell’ 8 gennaio 1946. Sentenza eseguita il 17 gennaio 1946.

LUKSICH – JAMINI Maria.

Nata a Fiume, di anni 69. Arrestata nel maggio 1945, già in gravi condizioni di salute e sottoposta a stringenti interrogatori dopo l’arresto dei figli, morì il 10 gennaio 1947.

LUPINO Terenzio.

Deportato dalla provincia di Fiume.

LUSINA Gabriele.

di Mattia, nato il 13 marzo 1922. Arrestato dagli slavi il 15 maggio 1945 e deportato.



MACAUDA Ignazio.

Nato a Modica nel 1896. Legionario Fiumano, già dipendente dei Cantieri Navali di Fiume. Combattente e mutilato sul Carso, venne decorato con Medaglia di Bronzo al V.M. Richiamato nella Finanza durante la 2^ Guerra, venne decorato con la Croce di Guerra. Arrestato dai titini a Mattuglie, veniva barbaramente trucidato.

MACCHI.

Ingegnere, da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 a Trieste e deportato.

MAGUOLO Sergio.

da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città, non ha più dato sue notizie.

MAHRER Rodolfo.

da Abbazia, cameriere d’albergo. Ucciso dagli slavi nel maggio 1945.

MALESI Gualtiero.

di Gustavo e di Maria PADOVAN, nato a Volosca il 16 settembre 1093, ragioniere, cassiere della Cassa di Risparmio di Abbazia.

Prelevato dalla sua abitazione nella notte del 3 maggio 1945 e incarcerato a Laurana. Il 10, unitamente ad altri arrestati venne portato al Piccolo Montemaggiore e trucidato.

MALUSA’ Matteo.

di Giovanni e di Maria BERTOLI, nato a Moschiena il 29 marzo 1915. Arrestato in Istria mentre tentava di raggiungere Pola. Deportato ad Idria il 15 luglio 1945, scomparve.

MANDECICH Franco e Rosa.

Residenti a Fiume. Partiti il 15 aprile 1945 per Trieste e scomparsi durante il viaggio. La dichiarazione di morte presunta indica la data “agosto 1945”.

MANFREDI Giulio.

di Vittorio, da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

MANFRINI Solpensiero.

Nato ad Ancona il 16 marzo 1904, marittimo, residente a Fiume. Scomparso il 23 maggio 1945.

MANZOLILLO Giuseppe.

Nato nel 1922. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

MARACICH Dario (o Mario).

di Antonio, nato a Veglia il 10 ottobre 1921. Vigile del fuoco a Monfalcone. Arrestato il 6 maggio 1945, venne portato a Volosca e non si hanno avuto più sue notizie.

MARASPIN Giovanni.

da Fiume. Arrestato dall’OZNA nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MARCIANO Carmine.

di Vincenzo. Arrestato nel maggio 1945 e scomparso.

MARSANICH Aurelio.

di Antonio e di Giovanna Jardas, nato a Fiume l’11 settembre 1925, diplomato nella Scuola Industriale di Fiume. Mobilitato in un Battaglione Costiero era di presidio alla centrale elettrica di Salcano (Gorizia). Alla cessazione della guerra, fatto prigioniero, venne fucilato a Sella di Montesanto e seppellito in una fossa comune insieme ad altri commilitoni.

MARTINCICH Valeria.

da Laurana. Uccisa dagli slavi nel maggio 1945.

MARTINOLICH Stanislao.

da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

MARUSSI Dante.

di Giovanni, nato a Fiume. Figlio del noto patriota irredentista fiumano, scultore e insegnante alla Scuola di Avviamento Professionale di Fiume. Deceduto in carcere in seguito alle percosse e maltrattamenti subiti.

MARUSSI Giovanni.

di Giovanni, nato a Fiume, fratello di Dante. Arrestato dalla polizia titina alla fine del 1947 sotto l’imputazione di attività politica clandestina. Morto in carcere, secondo versione della polizia, “suicida”.

MARZUCCO Nicola.

di Giovanni. Nato a San Basilio del Pireo (Grecia) nel 1895. Legionario Fiumano. Arrestato il 3 maggio 1945, venne portato a Castua legato, insieme al Senatore Gigante ed al Maresciallo Butti. Mentre gli slavi infierivano sul corpo del Sen. Gigante, il Marzucco prese a gridare “Viva l’Italia” e venne a sua volta massacrato.

MASOTTI Giuseppe.

di Guglielmo. Deportato dagli slavi dalla provincia di Fiume nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MATERA I.

da Fiume. Deportato il 3 maggio 1945, non ha dato più sue notizie.

MATIKINICH Stanislao.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MAUREL Lidia.

da Laurana, casalinga. Uccisa dagli slavi nel maggio 1945.

MAURINAZ.

da Fiume, operaio della Raffineria Olii Minerali. Arrestato nel 1947 insieme ad altri fiumani, accusato di cospirazione irredentistica, venne ucciso nel carcere di Fiume.

MAZZOLI Silvio.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MEDUCHESCHI Virgilio.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MEINTZ Alessandro.

Albergatore, da Laurana. Trucidato dopo il 3 maggio 1945.

MENZUTTI Stanislao.

da Fiume. Deportato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MICLAVIO Antonio.

Nato a Fiume nel 1900. Legionario Fiumano, partecipò al Natale di Sangue. Impiegato alla ROMSA, scrittore di novelle e saggi critici. Appartenente al P.R.I di Fiume ed al C.L.N., dal 1943 al 1945. Arrestato nel gennaio 1944, riuscì a sopravvivere ed a ritornare a Fiume. Esule a Milano, morì poco dopo a causa delle sofferenze patite durante la deportazione.

MINGOTTI - MESSORI Gina.

da Fiume, di anni 38. Arrestata dagli slavi con l’accusa di essere stata spia dei tedeschi, venne fucilata a Tersatto nel maggio 1945.

MITTROVICH Gustavo.

di Gustavo e di MARCOVICH Alessandra, nato a Fiume nel 1884. Legionario Fiumano, impiegato all’Azienda Servizi Pubblici. Brigadiere del 3° Regg.to G.N.R. Venne fatto prigioniero a Passiacco (Istria) il 3 maggio 1945 e, preso a caso del gruppo dei prigionieri, venne fucilato.

MODERINI Giacinto.

di Francesco e di CATTALINICH Luigia, nato a Fiume il 9 settembre 1909, artigiano meccanico. Prelevato dalla sua abitazione il 5 maggio 1945 e incarcerato insieme al fratello Dante. Il 9 maggio venne fatto uscire dalla cella e non se ne seppe più nulla.

MOLESSI Gualtiero.

di Gustavo, da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha dato più sue notizie.

MONCILLI Rodolfo (già MONCILLOVICH).

da Fiume. Capo reparto presso la fonderia Skull. Avendo manifestato la sua avversione al comunismo, dopo l’8 settembre 1943 venne più volte minacciato dagli elementi slavi. Alla sera del 3 maggio 1945, presente al prelevamento del titolare dell’azienda, dott. SKULL, venne arrestato e poi rilasciato con l’obbligo di rientrare nello stabilimento.

Circa un mese dopo, mentre transitava per il Corso insieme ad un amico, venne nuovamente arrestato e rinchiuso nelle carceri di Fiume, da dove sparì senza più dare notizie. Successivamente la famiglia ricevette la comunicazione che il MONCILLI era stato fucilato nel mese di agosto 1945.

MONTANTE Salvatore.

da Fiume. Arrestato nel maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

MORICH Ilario.

di Giuseppe, nato a Veglia. Disperso in Istria nel maggio 1945.



NAPOLITANO Antonio.

da Fiume. Arrestato nel maggio 1945, non ha dato più sue notizie.

NARDIN don Saverio.

di Giuseppe e di DEL DIN Maria. Nato il 12 febbraio 1900 a Faver (Trento). Cappellano militare dell’Ospedale di Abbazia. Venne arrestato dopo il 3 maggio 1945 e deportato.

NASELLI Domenico.

di Luigi. Arrestato nel maggio 1945 e deportato senza più dare sue notizie.

NEUGEBAUER Amanda.

Nata a Fiume nel 1901 da famiglia di puri sentimenti italiani. Nel corso dell’impresa dannunziana fu decorata dal Comandante D’Annunzio con la Stella d’Oro per la sua opera assistenziale. Successivamente il Generale Giardino, che comandava la città, le conferì due Medaglie d’Oro di Benemerenza. Nel corso della guerra 1940-43 fece servizio al fronte come crocerossina.

Arrestata dalla polizia slava nel giugno 1945 fu condannata a morte per essersi macchiata di “gravi crimini di guerra”.

NICOLOSI Domenico.

da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 e deportato senza più dare notizie.

NICORA Federico

da Abbazia. Addetto al Mercato. Ucciso dagli slavi dopo il 3 maggio 1945.




ORLANDO Vito.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha mai dato sue notizie.

ORSANELLI Bruno.

di Giovanni, nato a Vicenza il 14 luglio 1917, caporale di artiglieria in servizio a Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945 e scomparso.

OSSERI Bruno.

di Damaso, nato a Fiume il 16 agosto 1919. Arrestato dopo il 3 maggio 1945 e fucilato il 2 luglio dello stesso anno.

PAGAN Antonio.

di Ugo e di BENEDETTI Maria, nato a Fiume nel 1899.

PAGAN Margherita vedova PAVESI.

di Ugo e di BENEDETTI Maria, nata a Fiume nel 1898.

PAGAN Maria nata BENEDETTI.

di Antonio, nata a Novi (Dalmazia) nel 1872. Arrestati dagli slavi nel giugno 1945 e soppressi in carcere il 28 agosto 1945.

PAGANINI Pompilio.

di Tito, nato a Rovino. Caposquadra della Milizia Ferroviaria, residente a Fiume. Prelevato dai titini nel maggio 1945 e scomparso.

PALADIN Silvano.

di Antonio. Deportato dagli slavi nel maggio 1945 nel carcere di Maribor e scomparso.

PAOLATO Luigi.

di Giovanni, nato a Fiume il 23 aprile 1890. Volontario irredento nella guerra 1915-18, residente a Capodistria. Arrestato il 10 maggio 1945 e deportato per ignota destinazione.

PARADISO Giovanni.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

PECERE Agostino.

i Pietro e di PALMISANO Angela. Arrestato dagli slavi il 3 maggio 1945 e scomparso.

PELLEGRINI Oscar.

di Giacomo e di PALMISANI Giovanna, nato a Fiume il 25 aprile 1901. Di famiglia di puri sentimenti italiani, Legionario Fiumano. Impiegato presso l’Azienda Servizi Pubblici Municipalizzati di Fiume. Il 5 maggio 1945, mentre si recava al lavoro, venne preso e incarcerato. Nonostante le ricerche effettuate non è stato possibile avere sue notizie. Dopo parecchio tempo la famiglia ricevette la notizia che il Pellegrini era stato fucilato a Tersatto.

PENSO Mario.

da Fiume, di anni 44. Capo magazziniere della Raffineria Olii Minerali di Fiume. Arrestato dalla polizia titina, morì in carcere nel 1948 in seguito alle percosse subite.

PERCICH Antonio.

da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città, non ha dato sue notizie.

PERKAN don Vittorio.

Parroco di Elsane (Fiume). Trucidato dagli slavi il 9 aprile 1945 mentre impartiva la benedizione ad una salma nel cimitero locale.

PETTERUTTI Leopoldo.

da Fiume. Arrestato dopo il 3 maggio 1945 e deportato senza più dare notizie.

PEZZANO Michele.

da Abbazia, combattente della guerra 1915-18, calzolaio. Trucidato dagli slavi nel maggio 1945.

PICCARIELLA Carmine.

da Fiume. Deportato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

PIDATELLA Vincenzo.

di Giovanni, da Fiume. Arrestato dopo il 3 maggio 1945 e deportato senza più dare notizie.

PIESZ Aurelio.

di Emilio e di BUSAZ Maria, nato a Fiume nel 1919. Richiamato alle armi nel 1940, combattè in Balcania col grado di sergente maggiore col grado di sergente maggiore di artiglieria, guadagnandosi la Croce di Guerra al V.M. con la seguente motivazione: “Durante un violento combattimento contro formazioni avversarie, incaricato di recapitare un ordine ad alcuni reparti staccati, attraversava zone battute da intenso fuoco nemico, assolvendo con ardimento il compito affidatogli. Zrnovica (Balcania), 8 luglio 1943.

Dopo l’ 8 settembre 1943 comandava il distaccamento dislocato a caposaldo del Bivio di Rupa sulla strada per Trieste. Il 28 aprile 1945 riuscì a ripiegare col suo reparto a Trieste. Successivamente venne catturato da elementi slavi giunti da Fiume e impiccato al Bivio di Rupa.

Oltre al padre, trucidato dagli slavi in provincia di Gorizia dopo l’8 settembre 1943, anche una sorella di anni 15 non ha mai dato sue notizie.

La decorazione conferita al Piesz è stata consegnata alla vedova il 2 novembre 1954 nel corso di una cerimonia che ha avuto luogo a Gradisca d’Isonzo.

PILLEPICH Claudio.

Nato a Fiume nel 1926. Studente del Liceo “Dante Alighieri”. Arrestato il 3 maggio 1945 e comandato dalle autorità slave a liberare i dintorni della città dalle mine lasciate dai tedeschi, periva dilaniato in località Drenava il 4 maggio 1945.

PINTO Ciro Francesco.

di Antonio. Deportato il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

PLAVIS Valdimiro.

da Fiume. Deportato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

PLUCHINO Guglielmo.

da Fiume. Deportato dagli slavi dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

PODOBNIK Giovanni.

di anni 48, profugo da Castelnuovo d’Istria. Il 17 luglio 1950, colto da sconforto, si tolse la vita gettandosi sotto il treno della linea di Poggioreale.

POGNANI Natale.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non ha più dato sue notizie.

POLONIO BALBI Michele.

di Michele e di MARTINOLICH Irene, nato a Fiume il 19 maggio 1920, studente universitario di Economia e Commercio. Sottotenente Carrista con la Divisione “Ariete” in Africa.

Rientrato ferito dall’Africa, dopo l’8 settembre 1943 fu destinato, quale comandante, al “Comando Tappa” presso la Caserma di Finanza “Macchi” di Fiume.

Il 3 maggio 1945 fu fatto prigioniero nello stesso Comando, che non aveva abbandonato. Da quel momento non si ebbero più sue notizie.

Il 13 novembre 1955 l’Università degli Studi di Trieste ha conferito al glorioso caduto la laurea “ad honorem”.

PORCU’ Giuseppe.

di Erminio e di LICCIARDO’ Annunziata, nato a Cagliari l’8 febbraio 1903. Diplomato in ragioneria, ufficiale in S.P.E. nei Bersaglieri. Residente a Fiume avendo contratto matrimonio con SICICH Iginia.

Te. Col. Comandante della 61^ Legione CC.NN. Dopo l’ 8 settembre 1943 si occupò della ricostruzione delle Forze Armate Italiane a Fiume.

Il 5 maggio 1945 venne arrestato a Trieste e rinchiuso nelle carceri del Coroneo. La notte tra il 19 e il 20 maggio 1945 venne trasferito nelle carceri di Lubiana dove rimase fino al dicembre dello stesso anno. Successivamente venne deportato per ignota destinazione e non se ne seppe più nulla.

POSO Aldo.

di Angelo e di ZADARICCHIO Eugenia, nato a Fiume il 4 luglio 1909, impiegato presso l’Azienda Servizi Pubblici Municipalizzati. Dopo l’occupazione della città venne convocato nella Caserma di Via Trieste per una informazione e non fece più ritorno a casa.

POSCHINI (POSCHICH) Matteo.

di Matteo e di LUCICH Giuseppina, nato a Fiume il 24 febbraio 1898, operaio. Milite del 3° Reggimento M.D.T. Fatto prigioniero a Sappiane l’ 8 maggio 1945 e immediatamente trucidato.

PRANZ Natale.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945, non fece più ritorno.

PREMUDA Guglielmo e Venanzio.

Fratelli, di origine istriana. Residenti con la madre novantenne a Grobnico (Fiume) dove gestivano un mulino di loro proprietà. Nell’aprile del 1945 furono prelevati e trucidati perché, secondo l’accusa, fornivano farina ai Carabinieri. Da sicura testimonianza risulta che gli indumenti dei due fratelli furono messi in vendita sulla piazza di Grobnico. La vecchia madre, a causa del dolore decedeva poco dopo.






RADESICH Mario.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945 e scomparso.

RAHTELI Giovanni.

da Fiume. Dipendente del Siluruficio Whitehead di Fiume. Ucciso dai titini dopo l’occupazione della città.

RATHOFER Giovanni e Margherita.

Titolari a Fiume del negozio di ferramenta Simper, sul Corso. Arrestati a Trieste dalla polizia slava dopo il 3 maggio 1945 e trasferiti nelle carceri di Fiume da dove sono poi scomparsi.

RATTI (già SIMICZEK) Mario.

di Luigi e di BELLEMO Albertina, nato a Fiume il 19 marzo 1904, impiegato presso l’azienda Servizi Pubblici Municipalizzati. Arrestato dopo l’occupazione della città e deportato. Comunicato il decesso alla famiglia in data 15 giugno 1945.

RIBONI Mario.

da Fiume. Ucciso dagli slavi a Sesana nel 1948, mentre con altri giovani cercava di raggiungere il territorio italiano.

RICCHETTI.

Soldato, da Carpi (Modena). Fucilato dagli slavi nel campo di Borovnica nell’estate 1945.

RIOSA Gastone.

di Gaudenzio e MARSA Anna, nato a Caltignaga (Novara) il 5 novembre 1925, residente a Fiume. Scomparso dopo l’occupazione della città.

RIVARI Vladimiro.

di Ladislao, da Abbazia. Ucciso dagli slavi il 30 giugno 1948.

RIVOSECCHI Bruno.

da Fiume, di anni 26. il 12 maggio 1945, mentre con altro compagni era forzatamente addetto al dragaggio di mine subacquee nel porto del Delta, incappava in una mina magnetica che lo dilaniava completamente.

RONCO Enzo.

Di Eugenio e di Carrozzini Annunziata, nato a Fermo il 24 agosto 1900. Volontario della guerra 1915-1918, Legionario Fiumano e combattente nella guerra 1940-1945. Ferito in combattimento contro formazioni titine, venne catturato nel maggio 1945 e fucilato.

ROSMAN Luigi

di Antonio. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

ROSSI Tommaso.

di Enrico, da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

ROTONDO Vito.

di Giuseppe e di SALVEMINI Agnese, nato a Fiume nel 1920. Arrestato dagli slavi dopo l’occupazione della città, non ha più dato sue notizie.

RUMAC Antonietta.

di Paolo, nata a Ville d’Icici (Abbazia) nel 1911. Prelevata dagli slavi nel 1945 e scomparsa.

RUSICH Matteo (chiamato Matich).

di Giovanni, nato a Fiume nel 1911. Impresario edile, invalido ad un braccio. Deportato dopo il 3 maggio 1945 e scomparso.





Nevio Skull





SABEZ Fridi.

di Carlo, nato a Fiume l’11 novembre 1919. Deportato da Santa Lucia di Tolmino non ha mai dato sua notizie.

SALVI Stanislao.

di Giuseppe, nato nel 1908, arrestato a Fiume alla fine del 1945. E’ stata dichiarata la morte presunta come avvenuta il 15 gennaio 1946.

SARTORIO Vincenzo.

da Fiume. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

SCANTAMBURLO Daniele.

di Giuseppe e di Teresa. Nato a Mira Oriamo il 27 gennaio 1904. Vigile urbano di Abbazia. Ucciso a Laurana il 27 maggio 1945.

SCHERIANZ Lucia in VENDRAMIN.

di Vittorio, nata a Mattuglie, di anni 20. Trucidata nei pressi del Cimitero di Tersatto, nel novembre 1946.

SCHIRINZI Achille.

da Fiume, di anni 74. Prelevato dai titini il 14 luglio 1947, non ha più dato sue notizie.

SCHULISCH Helmut.

di Riccardo, medico. Arrestato ad Abbazia e deportato.

SCHWARTZ Massimiliano.

da Fiume, di anni 74. Prelevato dai titini il 14 luglio 1947, non ha più dato sue notizie.

SENNIS Gigliola coniugata PERESSON.

di Mauro e di Dumicich Margherita, nata a Fiume il 27 giugno 1917. Frequentò il Liceo Scientifico di Fiume e conseguì il diploma di abilitazione magistrale. Nel 1939 contrasse matrimonio con PERESSON Sergio, Ufficiale del Genio Navale.

SENNIS Margherita NATA DUMICICH

Madre di Sennis Gigliola, nata a Fiume nel 1893. Laureata al Magistero di Firenze, si dedicò con amore all’insegnamento. Fervente assertrice dell’italianità della sua città, fine, colta, generosa, amata dalle colleghe, fu ancora giovanissima nominata Direttrice Didattica del Circolo Scolastico di Piazza Cambieri.

La notte del 6 maggio 1945 agenti della polizia politica slava si presentarono in casa Sennis e trovata una divisa da ufficiale del marito della Gigliola, la sequestrarono e le ingiunsero di seguirli al Comando della polizia per essere interrogata, ma non venne più rilasciata.

La madre cercò di sapere i motivi dell’arresto e recatasi al Comando di Polizia, il capo le diede assicurazione che la figlia sarebbe stata rilasciata, e le presentò una lettera da presentare alle carceri di via Roma.

La Signora SENNIS, con in braccio la nipotina Tiziana si presentò alle carceri; la fecero entrare da sola lasciando la bambina alla Sig.na Jole UDOVICH che l’aveva accompagnata.

La Sig.na Udovich attese tutta la giornata davanti alle carceri, ma né la madre, né la figlia uscirono, e da allora non se ne seppe più nulla.

SEPICH Romano.

di Giovanni, nato a Volosca nel 1907. Arrestato dagli slavi nel maggio 1945 e deportato nelle carceri di Maribor dove rimase alcuni anni, e poi non se ne seppe più nulla.

SERAFINI Tullio.

da Abbazia, impiegato. Assassinato dalla polizia politica dopo l’occupazione.

SICOLO Franco.

di Domenico, nato a Trani, residente a Fiume. Arrestato e deportato dopo il 3 maggio 1945.

SIGULIN Miro.

di Giovanni, nato a Matteria (?) nel 1921, residente a Trieste. Arrestato nel maggio 1945, non si ebbero più sue notizie.

SIMONE don.

Monaco Benedettino Olivetano. Cappellano militare presso l’Ospedale di Abbazia. Venne prelevato dagli slavi nel maggio 1945 e non ha dato più sue notizie.

SINCICH Giuseppe.

di Marco e di HERVATIN Maria, nato a Fiume il 24 aprile 1893. Assolto il ginnasio ungherese si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza presso la Università di Budapest, studi che non potè portare a compimento per lo scoppio della prima guerra mondiale.

Si distinse quale esponente dell’autonomismo fiumano, tenendo però sempre viva la fiamma dell’italianità di Fiume.

Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, creatasi a Fiume una critica situazione politica, essendo gli slavi decisi ad impadronirsi della città, ricostituì, con il dott. Mario Blasich, il dott. Nevio Skull e l’ing. Peteani, il Partito Autonomo Fiumano col preciso compito di impedire l’occupazione slava. A più riprese gli emissari titini tentarono di far aderire i capi dell’autonomismo al movimento jugoslavo.

In una memorabile seduta, Giuseppe Sincich rifiutò con veemenza ogni compromesso ed al rappresentante titino disse: - “Voi seguite il vostro destino e noi il nostro!”

Continuamente minacciato di morte, non desistette, anzi disse: - “Chi combatte per un’idea deve affrontare tutto, anche la morte. Che cosa penserebbero i miei seguaci sapendo che il loro capo li ha abbandonati?”

Il figlio, pure Giuseppe, descrive come segue la fine di suo padre: “Il tre maggio 1945 i titini entrarono in città e, primo fra tutti, prelevarono mio padre dalla sua abitazione, noncuranti del dolore della moglie e della figlia presenti, ed alle ore 9,30 lo trucidarono nella vicina Fabbrica di Prodotti Chimici; il suo corpo martoriato, ma composto e sereno, confermò la sua idea”. Al momento dell’esecuzione fu spogliato di ogni suo avere.

SIROLA prof. Gino.

di Francesco e di RUSICH Anna, nato a Fiume il 16 maggio 1885. Compiuti gli studi al Ginnasio ungherese di Fiume, ottenne una borsa di studio del Comune e si iscrisse alla Facoltà di Lettere dell’Università di Bologna.

Allievo prediletto del Pascoli, ebbe compagno di studi un altro concittadino, il fiumano Amedeo Hodnig, del quale il Pascoli disse: “Il mio virginale Hodnig, nato nell’Italia d’oltre i confini”.

A quella scuola il Sirola temprò i propri sentimenti d’italianità. Ottenuta la laurea rientrò a Fiume dedicandosi all’insegnamento ed alle attività politiche di allora. Fu uno dei fondatori della “Giovine Fiume”. Nel 1911 risultò eletto nella lista cittadina opposta al partito autonomo, insieme a Isidoro Garofano, Riccardo Gigante, Luigi Cussar.

Durante la prima guerra mondiale venne chiamato alle armi ed inviato al fronte russo nelle file dell’esercito austro-ungarico.

Rientrato a Fiume dopo la guerra continuò la lotta per l’annessione all’Italia, facendo parte del Governo Provvisorio. Ritiratosi, venne in seguito nominato Preside dell’Istituto Tecnico “Leonardo da Vinci”, carica che tenne fino alla sua morte.

Amante degli studi letterari, lo interessava molto la letteratura ungherese, tanto che pubblicò, in traduzione, due volumi: nel 1928 uno sotto il titolo “Accordi magiari” ed il secondo nel 1932 dal titolo “Amore e dolore di terra magiara”. Per questa sua attività venne eletto membro dell’Alta Accademia Letteraria Ungherese.

Dopo l’8 settembre 1943 un gruppo di cittadini lo pregò di occupare temporaneamente la carica di podestà della città, per difendere gli interessi dei cittadini nei confronti delle autorità di occupazione. Confermato ufficialmente nella carica, il 9 febbraio 1944 pronunciò con grande coraggio un discorso, invitando i cittadini ad unirsi per difendere sino all’ultimo FIUME, nell’interesse della città e dell’Italia.

Il 3 maggio 1945 era a Trieste, ma due giorni dopo venne arrestato dalla polizia titina e riportato a Fiume. Fu visto da alcuni concittadini nella Villa Rippa trasformata in carcere, e poi scomparve.

SKULL dott. Nevio.

di Giuseppe e di Foretich Giuseppina, nato a Fiume il 23 dicembre 1903. Laureato in medicina, esercitò la professione di medico.

Nel 1935 abbandonò la professione per dedicarsi alla direzione della “Fonderia e Fabbrica macchine M. Skull”, fondata dal nonno paterno Matteo Skull nel 1878.

Di puri sentimenti italiani, fu Legionario Fiumano.

Oltre all’attività industriale ricopriva cariche cittadine, quale Consigliere della Banca d’Italia, Vice Presidente della Cassa di Risparmio di Fiume, membro della Commissione per le tasse e di quella per il trattamento dei carcerati.

Durante la guerra le Officine Skull furono militarizzate, prima dalle autorità italiane e poi da quelle tedesche di occupazione.

Alla fine della guerra riuscì a sventare la distruzione delle Officine da parte dei tedeschi in ritirata, ma fu breve la sua soddisfazione di aver salvata l’opera di generazioni ed il futuro lavoro dei metalmeccanici fiumani.

La sera del 3 maggio 1945, giorno dell’entrata della truppe titine in città, venne prelevato da elementi della polizia titina e barbaramente ucciso con un colpo di pistola alla nuca. Il suo corpo venne poi trovato tra le macerie dei ponti sul fiume Eneo.

SORBELLO Vincenzo.

da Fiume. Arrestato e deportato dopo il 3 maggio 1945.

SOTTIN Francesco.

da Fiume. Arrestato e deportato dopo il 3 maggio 1945.

SPOSTA Mario.

Nato a Trieste il 27 agosto 1899. Fotografo della Questura di Fiume. Arrestato dopo il 3 maggio 1945 e rinchiuso nelle carceri di Maribor. Morto nell’infermeria del carcere in seguito ai maltrattamenti subiti.

SPRINGHETTI Ada nata MARTINI.

a Fiume, di anni 44. Deportata nel periodo della occupazione tedesca, non ha più dato sue notizie.

STEFAN Severino.

da Fiume, tranviere. Arrestato il 16 giugno 1949 e scomparso.

STEINBERGER Antonio. Arrestato a Brioni nel maggio 1945 e deportato.

STERCICH Giovanni.

Già segretario del Partito Autonomista di Fiume. Trucidato dagli slavi il 3 maggio 1945.

STERNISSA Mario.

da Fiume, di anni 13. Ucciso il 6 maggio 1945 durante un conflitto tra la polizia jugoslava ed alcuni giovani fiumani renitenti alla chiamata di leva ordinata dal comando slavo.

STICH Otto.

di Nicola. Arrestato e deportato dopo il 3 maggio 1945.

STIFANICH Carlo.

di Martino e di Gulich Stefania, nato a Fiume il 4 giugno 1922. Il 17 maggio 1952 cercava di raggiungere l’Italia attraversando l’Adriatico con una barca, partendo da Pola insieme ad altri quattro amici; non si ebbero più notizie.

SUCCI Francesco.

di Giuseppe, da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945.

SUPERINA Alessandro.

Da Fiume, rappresentante di Case Editrici italiane. Dopo l’occupazione della città si recò a Roma per prendere contatto con le case rappresentate. Al suo rientro a Fiume venne arrestato e lungamente interrogato. Dopo un breve rilascio venne nuovamente arrestato e da allora non si ebbero più sue notizie.

SUPERINA Giovanni.

di Giuseppe, nato a Fiume, di anni 23. Dopo la condanna del padre ad alcuni anni di reclusione, da parte del Tribunale Militare jugoslavo di Fiume, tentò nel 1948 di raggiungere l’Italia clandestinamente, ma sorpreso dalle guardie di confine nei pressi di Trieste, fu ucciso a fucilate.

SUPERINA Silvio.

di Silvestro, nato a Fiume nel 1923. Arruolato, dopo l’8 settembre 1943, in un reparto inviato a presidiare la centrale elettrica di Salcano (Gorizia). Dopo il 3 maggio 1945 venne catturato dagli slavi e barbaramente trucidato. La fossa comune, dove era stato sepolto unitamente ad altri suoi compagni, venne scoperta per caso qualche anno dopo.

SURDO Salvatore.

Deportato dalla provincia di Fiume dopo l’occupazione da parte titina.






Giuseppe Tosi




TAUCER Santo.

di Giuseppe e di BOSCOSCHICH Elena, nato a Fiume il 26 settembre 1905. Occupato quale amministratore nelle Officine Skull. Prelevato dalla sua abitazione nei primi giorni dopo il maggio del 1945 da partigiani slavi; secondo loro doveva fornire delle informazioni e sarebbe ritornato dopo un’ora. Invece, non solo non rientrò, ma non si seppe più nulla della sua sorte.

TENAGLIA Lamberto.

da Fiume, nato nel 1924. Appartenente a un reparto di stanza a Laurana. Venne ucciso dagli slavi dopo l’occupazione della riviera.

TESI Attilio.

Combattente della guerra 1914-18. Residente ad Abbazia dove faceva il fornaio. Ucciso dagli slavi dopo il 3 maggio 1945.

TOICH Antonio.

di Federico, nato a Veglia il 21 maggio 1927. Arrestato dopo l’occupazione di Sappiane e disperso.

TORI Bruno.

di Gino, da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945.

TORRE Carlo.

di Carlo, da Fiume. Arrestato dopo il 3 maggio 1945 e deportato.

TOSI prof. Giuseppe.

di Giacomo, nato a Pola il 4 agosto 1890. Già insegnante nella scuola italiana di Volosca , riuscì da solo a mantenere la cultura e la lingua italiana e ad educare italianamente intere generazioni. Dopo l’annessione all’Italia venne nominato Preside della Scuola Media di Abbazia, incarico che tenne fino alla morte.

Dopo il 3 maggio 1945 venne arrestato dai titini e torturato barbaramente. Morì dopo un’atroce agonia durante la quale, si afferma, fu costretto a bere, in un bicchiere, il suo stesso sangue.

TROPPER Emilio.

di Rodolfo, nato ad Abbazia il 13 maggio 1894, portiere d’albergo. Arrestato a Volosca il 5 maggio 1945 e scomparso.

TUCHTAN Leopoldo.

Nato a Fiume, di anni 74. Proprietario del negozio “La Sanitaria” situato al Corso. Nel 1948 gli slavi arrestarono il figlio Leopoldo, e dopo la sentenza del tribunale jugoslavo subì la confisca di tutti i suoi beni. Impazzito dal dolore, morì nel 1949, senza essersi più ripreso.




VADUCH Giovanni.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945.

VALE dott. Antonio.

di Vittorio e di MACOVEZ Maria, nato a Fiume il 1° gennaio 1906. Dottore in Chimica alle dipendenze della Raffineria Olii Minerali. Prelevato dalla sua abitazione nel maggio 1945 ed ucciso un mese dopo in luogo sconosciuto.

VAMOS Alberto.

di Sigismondo e di KAMRAS Elisabetta (deportati in Germania ed eliminati), nato a Stavropol (Russia) l’11 novembre 1897, cittadino italiano, residente a Fiume. Arrestato dagli slavi il 26 ottobre 1947 e ucciso a Buccali il giorno successivo.

VAUKICH Anna in CORIGLIANO.

Deportata da Fiume dopo il 3 maggio 1945.

VILFINGER Margherita coniugata ZULIANI.

Eliminata dai titini dopo il 3 maggio 1945.

VILLARDITO Liberato.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945.

VISINKO Carlo.

di Pietro, da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945 e incarcerato a Maribor fino alla data del 18 febbraio 1948, poi scomparso.

VISINTIN Lucio.

di Guido. Deportato da Fiume dopo il 3 maggio 1945.

VOLLMAN Adalberto.

da Abbazia. Commesso delle Cooperative Operaie. Arrestato dopo il 3 maggio 1945 ed ucciso.

VITI Ettore.

di Iginio e di HERVATIN Francesca, nato a Fiume il 23 aprile 1911. Dipendente della Raffineria Olii Minerali. Arrestato da elementi slavi nei pressi della Questura, non fece più ritorno a casa e non diede mai notizie.

VOLPE Antonio.

da Fiume. Deportato dopo il 3 maggio 1945.

VRAZICH Olga.

Nata a Fiume. Dopo l’occupazione della città venne arruolata nella polizia titina. Quando gli slavi si accorsero che aveva cercato di mitigare la sorte di alcuni cittadini arrestati, l’arrestarono a sua volta e venne fucilata.

WILHELM Raimondo.

Nato a Gyekenyes nel 1896, fotografo.

WILHELM Teresa.

Nata a Vienna, moglie di Raimondo.

Figli: WILHELM Guglielmo, nato a Fiume nel 1920.

WILHELM Guglielmina, nata a Fiume nel 1921.

WILHELM Gherardo, nato a Fiume nel 1926.

Il padre, disertore dell’esercito austriaco nella guerra 1914-1918, visse nascosto a Fiume in casa della famiglia Ricatti. Durante l’impresa dannunziana fece parte della Guardia Nazionale e prese parte al Natale di Sangue.

Dopo l’occupazione della città, avvenuta il 3 maggio 1945, i tre figli vennero arrestati dai titini. I genitori cercarono a lungo notizie dei figli rivolgendosi ai vari uffici di polizia, senza però sapere nulla in merito. Due settimane dopo, cioè alla fine di maggio vennero arrestati pure loro e sparirono per sempre.

ZALLER Antonio.

di Giuseppe e di JANCOVICH Agnese, nato a Sussak il 13 giugno 1905. Legionario Fiumano. Vice console della Compagnia Lavoratori del Porto. Arrestato dopo l’occupazione della città e fucilato al Campo di Aviazione di Grobnico (Fiume) insieme ad altri 93 italiani, tra i quali il dott. Amato, Commissario Capo della Questura di Fiume.

ZANARDO Italo.

di Antonio, nato a Santa Lucia di Piave (TV) nel 1922. Residente a Fiume, deportato dagli slavi il 22 maggio 1945.

ZANCHI Umberto.

di Nereo, nato a Sussak nel 1905. Legionario Fiumano. Dopo l'annessione di Fiume si trasferì a Trieste. Arrestato a S. Lucia di Tolmino, il 30 aprile venne deportato a S. Caterina (Fiume) e qui eliminato.

ZANGRILLO Sergio Umberto.

di Umberto, nato a Venezia il 3 dicembre 1923, residente ad Abbazia. Arrestato dagli slavi dopo l’occupazione e scomparso.

ZAR Maria.

Residente a Fiume. Arrestata dopo l’occupazione della città ed eliminata.

ZMARICH Alfredo.

di Antonio, nato a Laurana il 15 aprile 1914, macellaio. Arrestato nel maggio 1945 e deportato.

ZULIAN Giovanni.

da Fiume. Deportato dopo l’occupazione della città.

ZULLICH Mario.

da Fiume, nato nel 1925. Arruolato nella Milizia Difesa Territoriale e inviato alla difesa della Centrale Elettrica di Salcano (Gorizia). Catturato dai titini e barbaramente trucidato, venne sepolto in una fossa comune. La fossa venne scoperta alcuni anni dopo e i resti trasferiti nel cimitero di Gorizia.

gost1
 

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#368  PostPostao/la gost1 » 17.2.2013, 01:31

Dokument je dobro poznat, i već godinama dobavljiv na netu.

I nije mu mjesto na ovoj temi.

Tako da glasam da ga se stavi zasebno, eventualno sa linkom.

Avatar korisnika
nikola
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 11096
Teme: 267
Pridružen: 27.7.2009, 16:32
Lokacija: Na kopnu, moru i u zraku

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#369  PostPostao/la nikola » 17.2.2013, 16:01

Koristili smo već neke podatke sa te stranice, pa isto mislim da je dovoljno ostaviti samo poveznicu za sve koje zanima.
JAPANSKI: リエカ KINESKI: 里耶卡 KOREJSKI: 리예카 GRČKI: Ριέκα HEBREJSKI: רייקה LATINSKI: Tarsatica

Avatar korisnika
WaterBlue
ĆO !!!
ĆO !!!
 
Postovi: 36
Pridružen: 20.9.2010, 13:34

Re: Riječka bitka

Post broj:#370  PostPostao/la WaterBlue » 17.7.2013, 21:05

@zokxy

Listajući net, pronašao sam zanimljivu fotografiju koju Boris Dvornik drži u ruci, pri snimanju Kapelskih Kresova, a to je ni više ni manje originalni Andrija Grgurić Dimnjačar (1912-1943)?!!!

Boris Dvornik dimnjačar.jpg
Boris Dvornik dimnjačar.jpg (21.13 KiB) Pogledano 235146 puta


Ima također i fotka od pravog Riđana:
http://www.klub-susacana.hr/revija/clan ... um=68&C=14

Avatar korisnika
marceljevadraga
Šta da ?
Šta da ?
 
Postovi: 19
Pridružen: 8.8.2011, 17:59
Lokacija: marceljeva draga

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#371  PostPostao/la marceljevadraga » 17.9.2013, 15:42

Bio je moj pokojni did s njima u partizanima. Najluđi od njih je bio Prsan. Poginuo je negdje u Bosni kada je trčao na tenk. Nažalost nemam nikakvih memorabilija..

Avatar korisnika
jazbac
Rijeka, Kvarner i Gorski kotar !
Rijeka, Kvarner i Gorski kotar !
 
Postovi: 655
Teme: 7
Pridružen: 28.10.2010, 11:00
Lokacija: Matulji

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#372  PostPostao/la jazbac » 25.10.2013, 18:54

Wolkenbruch  Ucka Lisina 1943  (1).jpg
Wolkenbruch Ucka Lisina 1943 (1).jpg (81.01 KiB) Pogledano 235147 puta

Wolkenbruch  Ucka Lisina 1943  (2).jpg
Wolkenbruch Ucka Lisina 1943 (2).jpg (82.39 KiB) Pogledano 235147 puta


Uploaded with ImageShack.us
Paljenje dvorića (pastirskih stanova) na području Učke i Lisine tijekom operacije Wolkenbruch , listopad 1943.

Avatar korisnika
Adamić
Moderator
Moderator
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 23511
Teme: 923
Pridružen: 12.6.2009, 02:27
Lokacija: Grad Rijeka

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#373  PostPostao/la Adamić » 5.12.2013, 19:56

Uvijek je dobro čuti i drugu stranu, što je bilo nakon što je Rijeka oslobođena.. Pa tako u malenom prospektu naziva "Fiume - una citta di frontiera dalle origini all esodo" (Societa di studio Fiumani) piše jedan dio vezano za okupaciju Jugoslavena kako oni to kažu.
Prilažem original tekst i moj slobodan prijevod.

L OCCUPAZIONE JUGOSLAVA
Dopo Toccupazione jugoslava di Fiume iniziarono gli arresti e le uccisioni di privati cittadini messi in atto dall'OZNA, la polizia segreta jugoslava.

Dal 4 maggio al 31 dicembre 1945 circa 680 persone furono eliminate. Tra di loro vi erano i senatori Icilio Bacci e Riccardo Gigante, l'ex podestä Carlo Colussi, i professori Gino Sirola e Margherita Sennis, gli autonomisti Mario Blasich, Nevio Skull, Giuseppe Sincich e tanti altri.Un centinaio di agenti di polizia furono uccisi probabilmente nella foiba di Costrena, vicino Fiume.




Nakon jugoslavenske okupacije Rijeke, OZNA- jugoslavenska tajna policija počela je s uhićenjima i ubojstvima.
Od 4. svibnja do 31. prosinca 1945 oko 680 ljudi je smaknuto. Među njima su bili senator Icilio Bacci i Riccardo Gigante, bivši podesta Carlo Colussi, profesori Gino Širola i Margaret Sennis, autonomisti Mario Blasich, Nevio Skull, Josip Sincich i mnogi drugi. Oko stotinjak policajaca ubijeno je vjerojatno u fojbama, Kostrena, u blizini Rijeke.

Ut tekst su i slijedeće slike.
Nevio SKULL Fiume ubijen.jpg
Nevio SKULL Fiume ubijen.jpg (75.28 KiB) Pogledano 235148 puta

Nevio Skull
Ako se ne varam, mislim da sam u riječkoj kronologiji, pročitao da je zavšio s metkom u potiljku i bačen u Rječinu, tako nešto.
Riccardo Gigante Fiume ubijen.jpg
Riccardo Gigante Fiume ubijen.jpg (79.47 KiB) Pogledano 235148 puta

Riccardo Gigante
Icilio Bacci Fiume ubijen.jpg
Icilio Bacci Fiume ubijen.jpg (51.88 KiB) Pogledano 235148 puta

Icilio Bacci

Također na slijedećoj stranici piše da je otišlo oko 36 000 Fijumana, te su se rasuli po cijelom svijetu (Kanada, Argentina, Australia itd.)
Slika

Avatar korisnika
WaterBlue
ĆO !!!
ĆO !!!
 
Postovi: 36
Pridružen: 20.9.2010, 13:34

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#374  PostPostao/la WaterBlue » 6.1.2014, 15:58

Ima li netko možda knjigu od Antona Girona "Riječka Bitka"? Ili ako ima skenirane tekstove, bilo bi lijepo to malo prelistati u detalje. Ima i drugih knjiga na gogle books ali se ne mogu skinuti, nažalost. Sa stranice znaci.net ima pregršt korisnih knjiga za skinuti, ali nema baš puno o ovim krajevima, osim knjige 13 GPUD i 14 PGUB, koje sam pročitao. Zahvaljujem na eventualnoj pomoći.

LP
:pozdrav:

Avatar korisnika
Adamić
Moderator
Moderator
Legenda foruma
Legenda foruma
 
Postovi: 23511
Teme: 923
Pridružen: 12.6.2009, 02:27
Lokacija: Grad Rijeka

Re: Riječka bitka - prije i poslije

Post broj:#375  PostPostao/la Adamić » 3.2.2014, 13:37

NERINA FARAGUNA RIJEČANKU IZ NACISTIČKOG KONCLOGORA SPASILA CRVENA ARMIJA
Žene su odabirali kao stoku
Nikad nije zaboravila kako su birali mlade žene za rad u tvornici gdje su se proizvodile bombe: taj koji ih je odabira pipao ih je kao stoku, imaju li mišiće na rukama i nogama, i jesu li zdrave i sposobne za rad, kaže kći Licia Antonelli
Nerina Faraguna logor nacisti.jpg
Nerina Faraguna logor nacisti.jpg (23.05 KiB) Pogledano 234949 puta

Nerina Faraguna u logoru je završila s 24 godine

Doktorice Licia Antonelli, priznanje vašoj majci Nerini Faraguna je došlo malo prekasno, ali ipak, recite nam što vam ono znači?
– Za mene je to velika čast, ali bilo bi mi draže da je moja majka dobila medalju za života, a ne ja deset godina nakon njezine smrti. Ipak, nakon toliko godina Republika Italija odala joj je priznanje za to što je bila na takvom mjestu, što se napatila. Na sreću, došla je kući živa.
Kad ste vi kao dijete prvi put doznali da vam je majka bila u konclogoru?
– To je vremenski teško odredivo. Već kao djevojčica primijetila sam da na ruci ima istetovirani neki broj. U ono doba žene se nisu tetovirale, to je bilo malo čudno. Prije nego li sam krenula u osnovnu školu, nešto se malo pričalo o tome. To su bila vremena kad su sjećanja bila još jako svježa. Prošlo je petnaestak godina od završetka rata. Kad se družila s prijateljicama koje su također preživjele Auschwitz, djeca bi malo naćulila uši, slušala što se priča, tako da sam nešto slutila. Oko desete godine znala sam više. Više sam je zapitkivala što se tamo zbivalo i u kući se počelo o tome pričati.

Ljudi i životinje

Kako je tekao put do logora, te povratak u Rijeku?

– Ona je više pričala anegdote koje je tamo doživjela, o druženju, prijateljstvu te o humanom zbližavanju i pomaganju u nevolji, dok sam bila dijete. Ružne stvari sam kasnije čula, kao odrasla osoba. Netko ju je izdao. Čak je govorila da zna tko ju je prijavio. Pričala nam je kako ne treba nikoga nikada izdati, niti biti dvoličan. Ta osoba ju je poznavala iz mladosti, a onda je izdala nacistima kako nosi poštu za partizane. I tako su je ulovili. Najprije je, krajem srpnja 1944. godine, dospjela u zatvor u Rijeku, u via Romi. Kako je riječki zatvor bio prepun političkih zatvorenika, iz Rijeke su odvedeni u San Sabbu, također logor. Tamo je boravila kratko, manje od mjesec dana, jer ni tamo nije bilo mjesta, te su malo pomalo odvoženi u Auschwitz. Odvezeni su vlakom koji je vozio stoku. Ukrcani su u te teretne vagone jedan do drugog,morali su stiješnjeni stajati satima. U turnusima bi se mijenjali da bi malo sjeli. Nisu imali ni hrane, ni vode. Neki su preminuli već tijekom transporta. Sjećala se, puna zahvalnosti, trenutka kad su stali u jednom mjestašcu gdje su im ljudi dali vodu kroz rešetke vagona, a bilo je vruće jer je bilo jako toplo ljeto. Kad su stigli na odredište, prvo su ih skinuli do gola i skroz ošišali. To je bilo prvo poniženje. Onda su dobili haljetak na plavo-bijele pruge, koji je prije toga pripadao nekom umrlom logorašu ili logorašici. Dobili su i oznake. Politički zarobljenici dobili bi crveni trokut s inicijalom zemlje podrijetla. Oni sa sobom nisu ponijeli ništa jer nisu ni znali kamo idu. Bilo je i Riječana koji su boravili već neko vrijeme u logoru, i prepoznali su nove logoraše, dok pristigli logoraši nisu mogli prepoznati njih, budući da su se promijenili od patnje boravka u logoru. U logoru je bilo i puno otočana i Istrana koji su im davali savjete kako se ponašati. Dobili su i kanticu za hranu koja je prije pripadala nekom drugom logorašu, koji je u međuvremenu preminuo. Moja je mama također dobila zdjelicu koja je imala broj nekog umrlog logoraša. Rekla mi je kako su puno puta znali pjevati da podignu moral, a kad su spavali, stiskali bi se jedan uz drugog da se ugriju. Preživjeli bi mrtvima uzeli poneku krpu, dio odjeće, da zaštite noge od hladnoće. Uvijek je isticala kako je postojala humanost, ali kako su se ponekad ponašali i kao životinje da bi preživjeli. Na početku, prvi u tom logoru bili su njemački Židovi, politički nepodobne osobe, hendikepirana djeca i homoseksualci. Nacisti su najprije »očistili« Njemačku, a onda su krenuli »čistiti« dalje po Europi. Kamp su izgradili ti prvi logoraši.

Nijemcima nije nikada oprostila

Ljudi koji su preživjeli tu kalvariju imali su nadnaravnu snagu i volju za životom. Kakva je bila vaša majka?

– Bila je dosta zatvorena osoba. Imala je uski krug poznanstava. To što je doživjela ostavilo je dubok trag na njoj. Poslije rata se udala i rodila mene, imala je obitelj. No bila je jako osjetljiva. Nikada nije gledala filmove s tom tematikom. Nije voljela da se o tome govori. Nijemcima nije nikada oprostila. Znala bi reći: »Nije narod kriv, ali kad smo mi u koloni prolazili, djeca su bacala kamenje i pljuvala po nama«. Djeca su bila odgojena da su oni manje vrijedni ljudi, a naročito Židovi. To nije nikada mogla oprostiti. Kad se našla u logoru, imala je 24 godine. Srećom, bila je zdrava i imala snage podnijeti sve te strahote.
Povodom obilježavanja Dana sjećanja na žrtve nacističkog režima u Generalnom konzulatu Italije, talijanski konzul Renato Cianfarani održao je primanje na kojem je uručio Počasne medalje – Medaglie d'Onore članovima obitelji čija je rodbina nastradala u koncentracijskim logorima. Medalje su uručene na sjećanje Nerine Faraguna i Antonia Ventina, a preuzeli su ih kći gospođe Faraguna Licia Antonelli i Dolores Mihelić Malbašić za ujaka Antonia Ventina.

Batine za pamćenje

Koliko dugo je vaša mama boravila u Auschwitzu?

– Tamo je bila nekoliko mjeseci jer su poslije odvedeni u drugi logor na granici Njemačke i Poljske, kao besplatna radna snaga. Rekla mi je da neće nikada zaboraviti trenutak kad su tamo došli odabrati mlade žene za rad u tvornici gdje su se proizvodile bombe V1 i V2, koje su potom bačene na Englesku. Taj koji ih je došao odabrati pipao ih je kao stoku, imaju li mišiće na rukama i nogama, i jesu li zdrave i sposobne za rad. Odabirali su ih kao stoku, te ih tako i tretirali. Nisu bili ljudi, već je svatko imao svoj broj. Svako jutro su radili prozivku i svatko se morao javiti sa svojim brojem. Ljudi nisu ni znali na početku izgovoriti te brojeve na njemačkom, ali su dobro naučili izgovarati ih zahvaljujući i batinama. Kako je logor bio na granici Poljske i Njemačke, a Rusi, odnosno Crvena armija se približavala, počeli su ih seliti sve dalje i dalje. Nisu oslobođeni u prvom mjesecu, nego tek 9. svibnja. Na kraju su u logoru ostali samo stari rezervisti, SS-ovci su odmah pobjegli i presvukli se u civile. Ostavili su stare vojnike, od kojih su neki imali i sedamdesetak godina, da ih čuvaju. Oni su se malo bolje odnosili prema njima, nisu ih maltretirali ni ponižavali. No, inače je život u logoru bio prestrašan. Trebalo je preživjeti izgladnjivanje i zimu u tim haljetcima, bez čarapa, s drvenim klompama na nogama... Rekla mi je kako se u takvim trenucima vidi kako čovjek funkcionira. Od mrtvih su uzimali odjeću, krpama su omotavali noge. A nakon tuširanja, gole bi ih poslali van na vjetar, na –10 C, da se osuše.

Dug put kući

Vaša majka nije čekala da ih Crveni križ odvede kući, već je zajedno s prijateljicom krenula natrag put Rijeke?

– Da, nije čekala Crveni križ jer su znali da će im trebati još neko vrijeme da stignu. A kako su još relativno bile snažne, jer su radile u tvornici oružja i dobivale hranu, krenule su na put. Imala je osjećaj da taj kruh koji su im davali, nije napravljen od brašna, već kao da je od piljevine. Kruh su dobivali zajedno s vodom u kojem su kuhane kore od krumpira. Njezina prijateljica imala je obitelj u Pragu pa su se uputile u Češku, odakle su namjeravale natrag u Rijeku. U Pragu su pronašle obitelj njezine prijateljice i malo su se odmorile kod njih, a potom krenule opet na put. Bio je to dug put kući preko Mađarske, Vojvodine, Slavonije, Zagreba... do Rijeke. To njihovo putovanje trajalo je mjesec i pol. Mama je stigla kući u ljeto, u šestom mjesecu. Kad je pokucala na vrata, moja baka ju je pitala što treba jer je nije prepoznala. Bila je jako mršava, kost i koža, i pocrnjela od sunca. Bilo je opasno putovati jer je bilo još nereda u Europi. Vladao je opći kaos. A putovale su pješice ili vlakovima za stoku. Rekla je kako su, kad su došle do vagona punog žita, od željezničara dobile savjet neka pripaze da ne propadnu u žito, te neka postave daske na kojima mogu sjediti. Jako im se žurilo kući jer su se brinule i koga će pronaći živog od obitelji, tako da su putovale svakako, samo da što prije dođu u Rijeku. One su se, srećom, uspjele spasiti. Nažalost, mnogi riječki Židovi nisu se uspjeli vratiti kući.

Izvor: http://novine.novilist.hr/default.asp?W ... 328582863H
Slika

PrethodniSljedeće

  • Similar Topics
    Odgovori
    Pogledano
    Zadnji post

Vrati se na: Povijest

Tko je online

Nema registriranih korisnika pregledava forum i 1 gost